Diritti in Comune: "No CPR: né a Pisa, né in nessun altro luogo"

diritti_in_comune_piazza_pisa_2018_12_16

Dopo la legge Minniti-Orlando si chiamano Centri di permanenza per il rimpatrio (CPR): sono luoghi di "detenzione amministrativa" dove vengono rinchiusi gli stranieri senza permesso di soggiorno allo scopo di essere identificati e deportati nel paese d'origine. Istituiti per la prima volta nel 1998 dalla Legge Turco-Napolitano, col nome di Centri di Permanenza Temporanea (CPT), hanno poi cambiato nome in Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE). La durata del trattenimento era in origine di 30 giorni. La Legge Salvini ha recentemente prolungato tale durata fino a un massimo 180 giorni. 

Il Ministro degli Interni ha recentemente ribadito l'intenzione di costruire un CPR nel Comune di Pisa, a Coltano, nell'area dell'ex centro radar militare USA. La nostra contrarietà all'apertura di questo centro nel nostro territorio, così come in qualsiasi altro luogo, è massima: i CPR violano i diritti umani delle persone e la nostra Costituzione, sono assolutamente inutili e anche molto costosi. 

I CPR violano i diritti umani e la Costituzione perché privano della libertà persone che non hanno commesso nessun reato, ma sono semplicemente privi di permesso di soggiorno. Chi finisce in questi centri non ha neanche le garanzie minime previste per chi è in carcere: non può ricevere visite, non ha accesso  alla difesa legale, non riceve cure mediche adeguate. I rapporti pubblicati nel corso degli anni dalla campagna nazionale "Lasciateci entrare" parlano chiaro: le condizioni di vita all'interno di questi centri di detenzione sono indegni di uno Stato democratico. Mancano servizi di base come il riscaldamento, le docce, le medicine, la carta igienica. Vi si consumano soprusi, abusi e violenze. Non sorprende che alcune persone vi abbiano tentato il suicidio, né che le rivolte e le fughe siano state frequenti. 

I CPR sono strutture inutili. Tutti sanno, a partire dallo stesso Ministro degli Interni, che le procedure di identificazione ai fini dell'espulsione coatta o si concludono nel giro di 30 giorni, ovvero si rivelano impossibili. Inoltre, come il Ministro sa molto bene, là dove non esistono accordi bilaterali con gli stati di origine dei cittadini stranieri, l'espulsione di fatto non può mai avvenire. Dunque, prolungare fino a 18 mesi la detenzione amministrativa è insensato: si tratta di vile propaganda, fatta sulla pelle delle persone, su cui si esercita puro e semplice accanimento.

Infine, tali centri hanno sempre avuto spese di gestione molto elevate: 1 miliardo e 600 milioni di euro negli ultimi dieci anni. A questi costi si aggiungono quelli per la ristrutturazione e l’adattamento di strutture abbandonate, come nel caso della ex base militare di Coltano.

Per queste ragioni avanzeremo una mozione in Consiglio Comunale contro l’apertura di un CPR nel Comune di Pisa. Facciamoappello alla cittadinanza affinché si mobiliti contro l'apertura di un vero e proprio lager alle porte della città e per la chiusura di tali centri in tutta Italia. Non è in questo modo che si costruisce sicurezza, ma investendo in canali sicuri e legali di ingresso, in lavoro degno, servizi e beni pubblici, inclusione sociale e cultura.

Fonte: Diritti in Comune (Una Città in Comune, Rifondazione Comunista, Possibile)

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro
torna a inizio pagina