Baratto sociale ad Altopascio, si parte dopo il boom di domande

Diamoci una mano_baratto_sociale_altopascio_1

Impiegare il proprio tempo per il paese, per la cura del bene comune e degli altri, in cambio di un lavoro vero, retribuito e contrattualizzato. È quello che sta succedendo ad Altopascio, dove da un paio di settimane è partito il progetto sperimentale “Diamoci una mano”, promosso dalla Misericordia locale, che ha partecipato al bando della Regione Toscana, e dall’amministrazione D’Ambrosio, che ha compartecipato alle spese. Un modo per far crescere ulteriormente il baratto sociale ed estenderlo a tutti i mesi dell’anno. Divisi in gruppi di 3/4 persone, i partecipanti, disoccupati, iscritti al centro per l’impiego e selezionati in base a una serie di requisiti, sono impegnati per 12 ore a settimana con rotazione ogni tre mesi e 500 euro netti al mese in busta paga.

“Abbiamo avuto un vero e proprio boom di domande - spiega il presidente della Misericordia, Salvatore Bono -  Ne sono arrivate 74: di queste, 30 avevano i requisiti per accedere ai colloqui. Le persone più idonee sono 13 e sono già al lavoro. I requisiti previsti sono semplici: abbiamo stabilito un punto a chi ha fino a due figli minori; due punti a chi ha più di due figli minori; a chi è nato prima del 1969, persone cioè più difficilmente ricollocabili nel mondo del lavoro e a chi ha in famiglia una persona invalida. Con questo intervento andiamo a offrire una nuova possibilità di inserimento sociale e lavorativo, il tutto sotto il segno della solidarietà, che è l’ingrediente più importante per la Misericordia”.

Le persone che stanno partecipando a “Diamoci una mano” sono già all’opera per curare, sistemare e riqualificare intere aree pubbliche del territorio comunale: c’è chi si occupa del centro storico e chi dei parchi; chi sta intervenendo nella zona industriale e chi accumula e toglie dalla strada interi sacchi di immondizia. E ancora ci sono i gruppi per le frazioni, così a Marginone, a Chimenti, a Spianate e a Badia Pozzeveri, e chi invece impiega il proprio tempo per attività di assistenza agli anziani o alle persone in difficoltà, il tutto con l’obiettivo di migliorare il vivere comune e ricavare uno stipendio vero.

“Con questo progetto riusciamo a coprire tutto l’anno - spiegano il sindaco, Sara D’Ambrosio e l’assessore al sociale, Ilaria Sorini - Diamoci una mano, infatti, si affianca e integra il progetto di baratto sociale: quest’ultimo continuerà a interessare le persone che fanno domanda per il fondo anticrisi o individuate dai servizi sociali comunali. Il fatto che ci siano state così tante domande dimostra che le situazioni di difficoltà economica e di fragilità sono considerevoli, non solo ad Altopascio, ma in generale in Italia, e che la disoccupazione è ancora purtroppo molto presente: tutte queste persone, nel momento in cui hanno saputo della possibilità di un lavoro e di uno stipendio, si sono presentate immediatamente, guidate anche dalla volontà di fare del bene per il proprio paese. Tra reddito e stipendio c’è molta differenza: noi puntiamo sullo stipendio, cioè sulla retribuzione a fronte di un lavoro svolto. In questo modo usciamo dalla logica assistenzialistica, ma cerchiamo di valorizzare le risorse personali e lavorative di ciascuno, per far recuperare loro un senso di dignità legata al sentirsi utili, molto importante anche per cercare e trovare nuove opportunità di lavoro. Ci attiveremo per trovare risorse, tramite bandi regionali e fondi europei, per confermare il progetto anche nel prossimo anno”.

Fonte: Comune di Altopascio - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Altopascio

<< Indietro
torna a inizio pagina