Virginio Gazzolo va in scena con "De vulgari eloquentia...là dove 'l sì suona"

Gazzolo1

Una rilettura d’attore da Dante Alighieri di e con Virginio Gazzolo, nella la rassegna ‘Leggieri d'Inverno’ edizione numero diciassette. Sabato 23 febbraio 2019 alle 21,00 a San Gimignano (Siena), nella sala Dante del Palazzo Comunale, in Piazza Duomo, va in scena lo spettacolo ‘De Vulgari Eloquentia...là dove 'l sì suona’. Omaggio alla lingua italiana.

Una pantera dall'alito profumato che, all'inizio del '300, si aggira per tutte le nostre regioni, ma in nessuna fa la sua tana: è la lingua italiana, come Dante la racconta nel De vulgari eloquentia. E inizia la caccia su e giù per la Penisola, alla ricerca del dialetto più gentile ed efficace, che prevalendo, possa unificare il parlare di tutti gli italiani. Quale di essi merita il titolo di nostra eloquenza?

Questa “rilettura d'attore” del De vulgari esordì in occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia, al festival dantesco di Ravenna, col patrocinio dell'Accademia della Crusca.

«Nessuno - dice Dante - e con divertita malizia ci fa ascoltare gli “ignobili barbarismi” del Lombardo, Siculo, Romagnolo...Sono 14 le regioni che esplora, inutilmente. Forse il Toscano? “Un turpiloquio da ubriachi!” E dunque siamo dannati, in questo nostro piccolo Paese, a intenderci poco e male? E – divisi dalla lingua – a restare un insieme di genti sospettose l'una dell'altra e in perenne lite?» È così, sembra essere la conclusione.

E tuttavia...Dante ha una sua trappola per acciuffare la sfuggente, italofona pantera: si chiama “poesia”. Perché, dice, senza il paziente lavoro dei poeti sulla parola, una lingua non nasce, e senza lingua comune un popolo non esiste, né si fonda una nazione.

‘Leggieri d'Inverno’, per la direzione artistica di Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari, è promossa dall’Associazione Giardino Chiuso, con il sostegno del Comune di San Gimignano, Regione Toscana e in collaborazione con Fondazione Fabbrica Europa.

«Quest’anno – spiegano i direttori artistici – a causa della chiusura del Teatro dei Leggieri per adeguamenti strutturali, la stagione Leggieri d’Inverno emigra in altri luoghi della città di San Gimignano e diventa la stagione errante di teatro e danza. Con ospitalità di spettacoli di teatro e danza, incontri, performance, corsi e laboratori riguardanti il teatro. La proposta culturale di Leggieri d’Inverno, che ha una durata di circa cinque mesi, varia dall’ospitalità di eventi a laboratori didattici e incontri con artisti, progetti di residenza e attività nelle scuole del Comune di San Gimignano».

Giardino Chiuso, già riconosciuta dalla Regione Toscana come Residenza Artistica, dal 2016 fa parte della Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee che vince il bando di accreditamento della Regione Toscana, come Ente di rilevanza regionale dello spettacolo dal vivo con sede in San Gimignano. Un ruolo teso alla valorizzazione e diffusione della creazione contemporanea attraverso l'esplorazione dei linguaggi artistici volti allo sviluppo di esperienze interdisciplinari, a livello locale e sul territorio toscano in relazione con un più ampio contesto nazionale e internazionale.

La programmazione sarà articolata in diversi progetti: ospitalità di spettacoli, progetti per i bambini e collaborazione con le scuole, progetti rivolti ai giovani, teatro amatoriale e promozione del pubblico.

Il programma di ‘Leggieri d’Inverno’ prosegue domenica 3 marzo alle 17.00, nella Biblioteca Comunale, dove è in programma il teatro ragazzi con ‘Racconti d’Inverno’ che presenta una lettura animata tratta da ‘Pinocchio’.

Sabato 23 marzo alle 21.00, nella Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Raffaele De Grada, teatro danza con Biancateatro che mette in scena ‘Lolita’. Per la regia einterpretazione di Silvia Battaglio.

Sabato 30 e domenica 31 marzo dalle 18.00, spettacolo itinerante in luoghi vari della città di San Gimignano. Ovvero, teatro amatoriale con la compagnia locale ‘I Comici ritrovati’ in ‘Fuori…i comici!’ Da autori vari per la direzione artistica di Cledy Tancredy.

Sabato 06 aprile alle 21.00 a Torre e Casa Campatelli, teatro con Giardino Chiuso che propone ‘Il Supermaschio’ di Alfred Jarry. Adattamento teatrale di Sebastiano Vassalli e regia di Tuccio Guicciardini. Movimenti di Patrizia de Bari. Con Annibale Pavone, Camilla Diana.

Domenica 14 aprile alle 18.00, nella Loggia del Teatro dei Leggieri, musica con Gnu Quartet in 80voglia di Gnu’. Con Stefano Cabrera, Roberto Izzo, Francesca Rapetti e Raffaele Rebaudengo.

Biglietteria e prevendita Pro Loco San Gimignano - Piazza Duomo 1, San Gimignano (SI)

Tel. 0577 940008 / fax 0577 940903 info@sangimignano.com - www.sangimignano.com

Biglietti: Intero € 10,00 - Ridotto € 8,00 (over 65, soci Coop Centro Italia, clienti librerie convenzionate, iscritti corsi LUS – Libera Università di San Gimignano, soci AUSER San Gimignano, allievi scuole di danza e teatro) - Ridotto € 5,00 (ragazzi da 11 a 18 anni, studenti universitari, Leggieri Giovani) - Ridotto € 3,00 (bambini fino a 10 anni)

Card “Sostieni il teatro!”, al costo di 30,00 €, permette di assistere gratuitamente a tutti gli spettacoli della stagione Leggieri d’Inverno 2018/2019, e di usufruire di uno sconto (*) del 10% sugli acquisti effettuati presso le librerie convenzionate. Librerie convenzionate: LIBRERIA LA FRANCIGENA via Mainardi 10, San Gimignano. LIBRERIA MONDADORI Largo Campidoglio 19, Poggibonsi. LIBRERIA LA MARTINELLA piazza S.Bartolomeo della Scala 30, Colle di Val d’Elsa. (*) Lo sconto è valido solo per l’acquisto di libri, e non cumulabile con altre promozioni destinate ai clienti delle librerie.

Fonte: Associazione Giardino Chiuso



Tutte le notizie di San Gimignano

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina