Bright Festival, 4mila presenze fra la Stazione Leopolda e The Student Hotel Firenze

Bilancio positivo per la prima edizione del Bright Festival a Firenze, manifestazione dedicata alle arti digitali applicate allo spettacolo, alla cultura, all'intrattenimento che si è tenuta dal 21 al 23 febbraio.

Il primo dato importante riguarda i visitatori, provenienti da 28 città italiane e 35 paesi del mondo:  numeri  interessanti se si pensa che il Festival era supportato dalla Camera di Commercio di Firenze nell'ambito di un progetto dedicato alla destagionalizzazione e alla delocalizzazione del turismo.

Questo dimostra ancora una volta che arti digitali, lighting design e musica elettronica rappresentano trend internazionali in grado di creare interazione tra appassionati, studenti e professionisti superando qualsiasi frontiera.

Quasi 1000 i partecipanti ai workshop, più di 4000 le presenze fra la Stazione Leopolda e The Student Hotel. La sezione formativa del festival ha coinvolto oltre 50 speakers ed artisti internazionali, 40 aziende e 13 istituti, con oltre 80 ore di attività fra incontri, masterclass, workshop e lecture durante le quali saranno affrontati i più svariati temi: dalla produzione musicale alla realtà virtuale, dal lighting design al video mapping.

“I feedback di docenti e relatori evidenziano come il pubblico presente fosse estremamente interessato e partecipe alle lezioni – sottolineano gli organizzatori del Bright Festival - “un grande stimolo per la ricerca di figure professionali che nelle edizioni future potranno garantire sempre maggiore qualità alla proposta formativa del Festival. I workshop giornalieri e le installazioni pomeridiane hanno riscosso grandissimo successo.  Grande interesse per tutte le iniziative dedicate alla musica elettronica, ma anche per quelle riguardanti video mapping, lighting design per lo spettacolo e fotografia digitale. Molto bene anche la sezione notturna presso la Stazione Leopolda, che ha destato grande stupore tra gli spettatori. Molti di loro ci hanno scritto per complimentarsi.  In futuro cercheremo di ottimizzare  i metodi di iscrizione ai corsi per rendere le classi sempre più omogenee dal punto di vista delle competenze sugli argomenti trattati. Ringraziamo la Camera di Commercio, il Comune di Firenze, i partner che hanno creduto nel progetto e gli studi di progettazione accorsi da tutta Italia con le loro installazioni, che hanno trasformato la Stazione Leopolda in un parco giochi digitale a cui hanno avuto accesso visitatori di tutte le età”.

Fonte: Bright Festival - Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina