Rimpasto di giunta per Sara D'Ambrosio: Pellegrini lascia, arriva La Vigna

La giunta D'Ambrosio

Deleghe ridefinite e nuovi ingressi per una squadra ancora più forte in grado di affrontare i due anni e mezzo che restano dalla fine del mandato politico-ammiinistrativo. È questa l’azione strategica intrapresa dal sindaco, Sara D’Ambrosio insieme con la giunta e i consiglieri comunali, per imprimere una svolta ulteriore all’azione di governo, concludere i tanti progetti avviati e aprirne di nuovi.

Ecco quindi che in giunta entra il consigliere Adamo La Vigna, mentre Andrea Pellegrini, che fino a oggi aveva ricoperto un ruolo più tecnico come assessore esterno, lascia la delega - l’urbanistica - a Daniel Toci.

“Siamo esattamente a metà mandato - spiega il sindaco -, abbiamo molti progetti avviati, penso ai settori della scuola, del sociale, delle opere e dei lavori pubblici e dell’urbanistica con lo sviluppo economico del territorio. Altri progetti sono in procinto di partire, secondo quel programma politico-amministrativo che ci ha portato alla vittoria elettorale e secondo le nuove esigenze emerse in questi due anni e mezzo di amministrazione. D’accordo con tutta la squadra abbiamo quindi deciso di rafforzare ulteriormente la giunta, con deleghe più specifiche e organiche: vedrete nei cambiamenti anche una ricollocazione logica delle deleghe, dove, per esempio, il commercio lavora più a stretto contatto con la promozione del territorio e con gli eventi; idem l’urbanistica, che confluisce sotto l’assessorato che già gestisce i lavori pubblici. Centrale in questi anni sarà il tema dello sviluppo economico di Altopascio, la rigenerazione urbanistica, le opere pubbliche, comprese le infrastrutture che permettano al nostro paese di essere competitivo, ben collegato e un luogo vivibile e vissuto per chi qui risiede. Ciò che ci guida è la volontà di far rinascere ulteriormente Altopascio, attraverso azioni che portino qui nuove persone e che quindi contribuiscano a ricostruire la credibilità pubblica del nostro paese, per troppo tempo associato solo a problemi o a fatti di cronaca nera. Nuovo impulso quindi alla cultura, agli eventi, alla promozione del territorio e al commercio. Costante, invece, l’attenzione per le fasce più deboli, per i giovani, per l famiglie, per il lavoro e per il sociale in generale, attraverso quei progetti che in questi anni ci hanno portato a diventare un punto di riferimento anche per altri Comuni italiani - penso al baratto sociale. Poi ovviamente siamo in piena attività sul fronte scuola, opere e lavori pubblici, con i tanti bandi vinti e i finanziamenti stanziati, che trasformeranno Altopascio in un’area cantiere mobile per i prossimi anni”.

Partiamo dai nuovi arrivati: Adamo La Vigna, consigliere comunale eletto con il Partito democratico, diventa ora l’assessore alla valorizzazione e promozione del territorio, marketing territoriale ed eventi, nuove architetture per la città (centro e frazioni) e commercio. Quest’ultima delega non sarà quindi più seguita dall’assessore Martina Cagliari, ma lavorerà a stretto contatto con la promozione di Altopascio, così da creare un unicum che metta al centro il sostegno al commercio cittadino e la capacità di attrarre in paese un numero sempre crescente di persone. “Sono emozionato e felice - commenta il neo assessore -, poter lavorare concretamente per il mio paese è una grande sfida. Dalla prossima settimana andrò a conoscere tutti i commercianti del centro e delle frazioni, studierò con loro iniziative e nuove opportunità per Altopascio. Con gli eventi ho intenzione di proseguire con il lavoro che avevo già iniziato da consigliere comunale, in stretto contatto con l’assessore Cagliari, e di dare un’immagine continuativa e nuova al paese, luogo di ritrovo per famiglie, giovani e anziani, luogo dove sia possibile divertirsi, conoscere, passare del tempo in compagnia e in serenità. Sto già lavorando a due iniziative, una per la fine di aprile e l’altra per il mese di maggio. C’è poi il Luglio altopascese, per il quale la macchina organizzativa è già partita., e ovviamente la Festa del pane 2019. Contemporaneamente il mio ruolo sarà anche quello di definire una diversa concezione dello spazio pubblico del centro di Altopascio e dei centri di Spianate, Badia Pozzeveri e Marginone: ripensare cioè i centri in funzione di una maggiore vivibilità e fruizione pubblica. L’immagine dei centri e delle vie principali sono il biglietto da visita del comune e per questo motivo cercheremo un percorso di abbellimento e maggiore valorizzazione”.

La parola passa quindi a Andrea Pellegrini, che avendo esaurito il suo ruolo tecnico rispetto all’urbanistica consegna ora il testimone a Daniel Toci. “Due anni e mezzo fa sono stato scelto dal sindaco come figura tecnica - commenta -, con l’obiettivo di revisionare, mettere ordine e approfondire il settore urbanistico esistente e gettare le basi per la nuova fase che dovrà essere concretizzata. Il percorso per il nuovo piano strutturale intercomunale è avviato e Altopascio giocherà un ruolo centrale, perché la parte relativa alla partecipazione alla comunicazione con i cittadini è stata affidata all’architetto Ilaria Poggiani, nostra dipendente comunale. Il mio ruolo tecnico è finito e lascio il testimone all’assessore Toci, che dovrà sviluppare i nuovi obiettivi, anche sotto una visione più politica”.

L’obiettivo di questo cambio è anche quello di creare una continuità tra le deleghe: in questo senso, urbanistica e lavori pubblici confluiscono sotto la stessa guida, dando anche una maggiore omogeneità nell’azione. Daniel Toci resta quindi vicesindaco e diventa assessore allo sviluppo del territorio, rigenerazione urbana e ambientale, beni comuni, lavori pubblici, infrastrutture e viabilità, Protezione civile.

“Quelli davanti a noi saranno gli anni delle grandi sfide: abbiamo la necessità di definire una serie di varianti aperte, per garantire sviluppo al paese e anche nuova occupazione, di redigere il piano strutturale e poi il nuovo piano operativo. La volontà è sempre la stessa, cioè favorire lo sviluppo economico e occupazionale del nostro territorio e lavorare per trovare un punto di equilibrio con la salvaguardia e la tutela ambientale. Dal punto di vista urbanistico abbiamo poi intenzione di intervenire sulle aree dismesse di Altopascio, per dare loro un volto diverso, attraverso il recupero e la valorizzazione. Ci sono poi i cantieri avviati e quelli che verranno aperti a breve, nelle frazioni e nel centro, che hanno a che vedere con lo sport, con la scuola, con la valorizzazione e la riqualificazione del patrimonio artistico, storico e architettonico. Allo stesso tempo continuerò a portare avanti i lavori pubblici che dalle aree più periferiche verso il centro hanno l’obiettivo di migliorare tutto il territorio comunale: dall’accordo quadro per le asfaltature al rifacimento dei marciapiedi, dall’installazione di nuovi lampioni agli interventi complessivi legati all’ambiente, al decoro, alla pulizia e alla lotta agli incivili che abbandonano rifiuti sul territorio. Infine le grandi opere, soprattutto quelle infrastrutturali: da una parte il raddoppio e la realizzazione del sottopasso ferroviario, dall’altra il nostro massimo impegno per completare il terzo lotto della Circonvallazione di Altopascio”.

Nuove deleghe anche per il presidente del consiglio comunale, Sergio Sensi, che, oltre ai rapporti con la frazione di Marginone, dovrà ora occuparsi della continuità e della valorizzazione della memoria storica e delle tradizioni popolari, dei gemellaggi e della diffusione di una più ampia cultura europea.

LA SQUADRA

Sara D’Ambrosio - sindaco; delega a: sviluppo economico, vivibilità e sicurezza urbana

Daniel Toci - vicesindaco e assessore al sviluppo del territorio, rigenerazione urbana e ambientale, beni comuni, lavori pubblici, infrastrutture e viabilità, Protezione Civile

Ilaria Sorini - assessore alla persona, politiche sociali e abitative, comunità solidale, istruzione, welfare e sanità, pari opportunità, politiche per le famiglie e la genitorialità, Altopascio comune delle bambine e dei bambini

Martina Cagliari - assessore alla crescita culturale, turismo, creatività e partecipazione giovanile, progettazione e cooperazione europea

Adamo La Vigna - assessore al commercio, valorizzazione e promozione del territorio, marketing territoriale ed eventi, nuove architetture per la città (centro e frazioni)

Alessandro Remaschi - assessore al bilancio, società partecipate, valorizzazione del personale comunale

Sergio Sensi - presidente del consiglio comunale; delega a continuità e valorizzazione della memoria storica e delle tradizioni popolari, gemellaggi e cultura europea, rapporti con la frazione di Marginone

Fonte: Comune di Altopascio - Ufficio stampa



Tutte le notizie di Altopascio

<< Indietro

torna a inizio pagina