Economia circolare, il distretto del Cuoio si racconta in Regione

assoconciatori_regione_toscana_2019_05_03

Attira ogni volta curiosità e consensi il modo in cui il distretto conciario di Santa Croce sull’Arno ha trasformato criticità in risorsa, diventando modello reale di quell’economia circolare oggi così presente nell’agenda politica dei Governi di tutta Europa, e che è stata il tema, giovedì 2 maggio, di un’apposita tavola rotonda presso la Regione Toscana. L’evento, nell’ambito della tre giorni “State of the Union” dal 2 al 4 a Firenze, è stato occasione per stimolare un confronto tra istituzioni comunitarie e imprenditori sulle migliori best practices realizzate in Toscana.

All’Associazione Conciatori il compito di illustrare il più recente investimento, siglato proprio con la Regione Toscana per la valorizzazione di alcuni degli impianti più virtuosi del distretto, tra cui Aquarno ed Ecoespanso, ultimo tassello di un’evoluzione costante, che in circa 40 anni, ha reso il distretto conciario di Santa Croce sull’Arno modello di riferimento mondiale per il comparto. «Un tema di grande attualità quello della circolarità dell’economia-dice il presidente Associazione Conciatori Alessandro Francioni-in cui i nostri conciatori sono stati precursori anche grazie ad un’attività di ricerca e studio a supporto dell’evoluzione responsabile del distretto». Come evidenziato dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che proprio al distretto conciario, unico distretto industriale presente al tavolo sull’economia circolare, si è riferito come a un «modello da portare ad esempio anche per altri distretti e che trova oggi anche grazie al recente accordo con l’Associazione Conciatori un’esperienza unica di realizzazione di un’economia circolare, tra le maggiori in Europa». Erano presenti alla tavola rotonda anche l’europarlamentare Simona Bonafè, relatrice pacchetto UE sull’economia circolare, e Carlo Pettinelli, DG Grow Mercato interno PMI Commissione Europea, che hanno evidenziato l’importanza di incentivare le esperienze imprenditoriali più virtuose sul fronte della circolarità anche attraverso una mirata attività di sensibilizzazione. Il sindaco di Santa Croce sull’Arno Giulia Deidda, ha infine sottolineato come i migliori risultati del distretto conciario siano stati agevolati dal dialogo costante tra pubblico e privato.

Fonte: Assoconciatori - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Santa Croce sull'Arno

<< Indietro
torna a inizio pagina