'Marcia globale dei diritti umani', a Firenze 700 ragazzi in cammino per il progetto Ue

Marcia_Diritti_Umani_Firenze_Oxfam__

Da piazza d’Azeglio a piazza Santa Croce, passando davanti alla casa di preghiera islamica in Borgo Allegri, poi su per via della Colonna, Borgo Pinti, via dei Pilastri, piazza Sant’Ambrogio, via Pietrapiana e via dei Pepi.

E’ il percorso che domani porterà dalle 10.30 oltre 700 studenti e docenti per le strade di Firenze, per la “Marcia globale dei diritti umani”, promossa da Oxfam e Regione Toscana, come evento finale del Festival d’Europa, all’interno del progetto europeo Walk the Global Walk”, finanziato dalla Ue.

I ragazzi marceranno per chiedere un mondo più sostenibile e città più vivibili e inclusive, unendosi idealmente a migliaia di loro coetanei di 12 paesi, che marceranno nelle prossime settimane in Francia, Cipro, Portogallo, Croazia, Bulgaria, Romania, Galles, Scozia e Quebec

Tutti in cammino con un unico obiettivo: chiedere alle Istituzioni nazionali e locali, ai Governi, all’Europa, che l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile numero 11 definito dalle Nazioni Unite, trovi una realizzazione concreta nella vita di ciascuno.

Il programma della giornata

Dopo il ritrovo e la partenza da piazza D’Azeglio, la marcia che sarà animata dalla musica di due giovani band - TreTTempi Folk e i Rythme Afro - si chiuderà a piazza Santa Croce, dove dalle 11.30 sarà allestito un palco su cui si alterneranno performance e riflessioni proposte dai ragazzi, presentate da Alessandro Gazzetti presidente del Parlamento degli studenti e Abdou Diouf biologo, pallavolista professionista e autore del libro “E’ sempre estate”.

Dopo il benvenuto di Daniela Volpi di Regione Toscana e Alessia Martini di Oxfam Italia, si alterneranno quindi sul palco l’esibizione dei ragazzi dell’ISIS Einaudi-Ceccherelli di Piombino vincitori del video-contest del XXI Meeting diritti Umani del Mandela sul tema della lotta alle disuguaglianze; il reading degli studenti della scuola media Galileo Galilei di Cecina di alcune delle più belle poesie di Alda Merini, che richiamano il tema dell’uguaglianza di genere;   e due performance di ballo, che porteranno in piazza Santa Croce coinvolgenti sonorità dal Perù e dall’Africa.

La marcia si chiuderà infine con i saluti ai ragazzi che domani marceranno a Cipro e in Quebec. Nel corso della mattinata inoltre saranno presentati i risultati dei laboratori di cittadinanza attiva, realizzati dagli studenti in vista della Marcia.

L’appuntamento di domani arriva infatti a conclusione di un percorso che a partire dall’ultima edizione del Meeting per i Diritti Umani del Mandela Forum, ha coinvolto 15 scuole di 12 città diverse della Toscana, di cui 11 secondarie di secondo grado e 4 secondarie di primo grado. Un lavoro che ha visto anche tante proposte presentate dai ragazzi ai Comuni e agli attori dei diversi territori, per migliorare insieme la vita della propria comunità e sensibilizzare tutti i cittadini. Un confronto che ha quindi portato ad una ricca agenda di appuntamenti, che fino al 9 giugno renderanno la Toscana un unico grande palcoscenico di riflessione e concreta partecipazione intorno all’obiettivo della Marcia di quest’anno, declinato nei diversi contesti cittadini.

 

 

NOTE:

I prossimi appuntamenti in giro per la Toscana

Dopo la ripulitura della suggestiva Rocca medievale di Montemurlo in provincia di Prato, la giornata dedicata alla mobilità sostenibile a Piombino, e il flash-mob a Sesto Fiorentino per sensibilizzare la cittadinanza sulla raccolta differenziata ancora tanti gli appuntamenti promossi dagli studenti toscani intorno al tema della Marcia

Sempre domani a Firenze, gli studenti infine incontreranno le istituzioni per confrontarsi proprio sul percorso di sensibilizzazione nelle scuole sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile definiti dalle Nazioni Unite.

Il 18 maggio i ragazzi scenderanno quindi in strada per una marcia a Cecina (da San Pietro Palazzi fino al centro città) per chiedere il rispetto dei diritti delle persone diversamente abili.

Il 30 maggio gli studenti invece scenderanno in campo a Massa, per un torneo di calcio molto particolare. L’obiettivo infatti sarà quello di far riflettere su quattro Obiettivi di Sviluppo Sostenibile cruciali, che saranno rappresentati da ciascuna squadra: la lotta al cambiamento climatico; la creazione di città e comunità sostenibili e inclusive; la promozione della pace attraverso l’accesso universale alla giustizia e la costruzione di istituzioni responsabili ed efficaci a tutti i livelli; lavorare per garantire un'istruzione di qualità inclusiva ed equa, creando opportunità di apprendimento permanente per tutti.

Il 9 giugno infine è in programma ad Arezzo il Festival dell’Amicizia. Un evento con cui i ragazzi sensibilizzeranno la cittadinanza sulla storia dell’ex ospedale psichiatrico, chiedendo allo stesso tempo un intervento di recupero e riqualificazione dell’area del Parco Pionta, dove sorgeva la struttura.

 

 

 

 

 

Fonte: Ufficio stampa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina