Isola campione Uisp, il Castellani si tinge di gialloblu

A distanza di due anni dall'ultimo successo, i ragazzi di mister Martini conquistano il titolo di campione provinciale UISP Empoli Valdelsa. Sconfitta la Casa Culturale 2-1 al termine del derby tutto samminiatese.

Sul palcoscenico più prestigioso della stagione di calcio amatoriale, va in scena il trionfo del Real Isola. La notte del "Carlo Castellani" di Empoli si conclude con la festa dei ragazzi di mister Martini che, nel derby tutto samminiatese con la Casa Culturale, si impongono con il risultato di 2-1 conquistando il terzo titolo di campione provinciale UISP della loro storia. Tanti appassionati affollano la tribuna del "Castellani" per assistere all'epilogo della lunga stagione di calcio a 11 che vede protagoniste le due squadre di San Miniato: l'Isola, già vittoriosa nel 2013 e nel 2017, e la Casa Culturale che accede alla finalissima per il secondo anno consecutivo dopo la sconfitta di un anno fa con la Ferruzza.

Partono subito forte i ragazzi di mister Pippo Martini che, all'8' pervengono al vantaggio con Gentile. Lancio in profondità di Fornai per il n° 11 samminiatese che, con un tocco di precisione di esterno destro, supera il portiere della Casa Culturale Bertini portando l'Isola in vantaggio. La Casa Culturale non sta a guardare e, dopo un tentativo di testa di Quaglierini che finisce sull'esterno della rete, è Denti al 25' a raccogliere un cross di Taddei per superare di testa Tani e siglare il pareggio. I ragazzi di mister Nicola Matteoli spingono con maggior convinzione e, sul finire del primo tempo, confezionano una doppia occasione clamorosa per passare in vantaggio.

Prima, un gran diagonale di Telloli viene intercettato da Tani, poi il tiro da fuori di Ferrucci è salvato sulla linea dal difensore dell'Isola Castellacci. Con il pericolo scampato, Baldasserini e compagni riescono a riorganizzarsi e a non correre ulteriori rischi nella ripresa, fino a quando l'ispirato capitano della Casa Culturale Quaglierini si esibisce in una splendida acrobazia che trova ancora la pronta respinta di Tani.

Pochi minuti dopo aver realizzato il gesto tecnico più bello della partita, Quaglierini commette l'ingenuità di deviare in rete con la mano il cross di un compagno. Essendo già ammonito, il capitano della Casa Culturale viene espulso. I giallorossi di Matteoli restano in 10 e subiscono al 29' il gol che decide il match in favore dell'Isola. Guardini, subentrato a Cappellini nel corso del secondo tempo, trova il varco per superare Bertini con un destro vellutato che finisce nell'angolo basso alla destra di Bertini.

Dopo il gol vittoria siglato nella finale con la Ferruzza di due anni fa, Guardini, al rientro dopo una lunga squalifica, si rivela ancora decisivo per le sorti del team di Martini. La Casa Culturale, sebbene in inferiorità numerica, spinge con coraggio e determinazione nel forcing finale ma il risultato non muterà più. Trionfa ancora l'Isola ricevendo il trofeo più ambito dalle mani del sindaco di San Miniato, Vittorio Gabbanini.

Va agli archivi una finale tutta samminiatese assai avvincente che, nel magico teatro del "Castellani", ha coinvolto i tantissimi appassionati di calcio amatoriale. Prima della finalissima tra Isola e Casa Culturale si è svolta la rassegna giovanile che ha visto protagonisti i "Piccoli Amici" delle scuole calcio di Santa Maria, San Miniato, Fucecchio e Ponzano, associata alla raccolta fondi a sostegno della fondazione "Il Cuore si scioglie", organizzata da Unicoop Firenze in collaborazione con UISP Empoli Valdelsa. L'iniziativa è andata a sostenere i bambini siriani di Aleppo colpiti dalla guerra.

Fonte: Ufficio Stampa Calcio UISP Empolese – Valdelsa

Tutte le notizie di Calcio Uisp

<< Indietro
torna a inizio pagina