Europee Toscana, 'barricata' rossa ma la Lega prima in 7 province. Attesa per le comunali

(foto gonews.it)
(foto gonews.it)

Dal 35% in su: questo il risultato del Partito Democratico nell’Empolese Valdelsa, raggiungendo il risultato nazionale del 40% del 2014 ma perdendo molto terreno. Dal 56,3% del 2014 in tutta la Toscana al 33,31%, nel mezzo l'ascesa e il crollo di Matteo Renzi e l'arrivo di un altro Matteo, Salvini. Già, l’avversario ora è la Lega, che si prende almeno un quarto dell’elettorato degli 11 comuni dell'Empolese Valdelsa e altrove fa cappotto. Il Carroccio in Toscana arriva al 31,48%, succhiando sangue al centrodestra e al M5S. Per il M5S è un vero e proprio disamoramento, che talvolta nel circondario Empolese Valdelsa non riesce neppure a superare un risultato a doppia cifra.

A livello provinciale è invece un testa a testa solamente tra la Lega e il Pd per il primato: il partito di Zingaretti mantiene Firenze, Siena e Livorno. Primo partito la Lega invece a Lucca, Grosseto, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Arezzo. In Lucchesia, con molti comuni a trazione centrodestra, la Lega arriva a sfiorare il 40%. Risveglio amaro anche a Prato, dove tutte le amministrazioni locali sono di centrosinistra ma la Lega ha il primato del partito.

Questa storia si replica nel comprensorio del cuoio, dove a Santa Croce, Montopoli, Castelfranco, Fucecchio la Lega è prima con un margine molto ampio. C’è dunque attesa per vedere come andranno le roccaforti rosse alla prova del voto nelle comunali: dalle 14 si avvieranno gli scrutini.

L'affluenza è risultata in calo di poco più di un punto percentuale: 65,76% contro il 66,69 delle Europee 2014. È possibile pensare che, come ha riportato YouTrend, ci sia stato un travaso di voti dalle Politiche 2018 per la Lega da Forza Italia e dal M5S. Un'onda cavalcata come un surfista esperto da Matteo Salvini, come 5 anni fa da Renzi. Il voto delle Europee certifica questo nuovo amore ma il capitale politico del leader del Carroccio, seguendo l'esempio dell'ex leader Pd, è molto fragile e si baserà sull'esperienza di governo e sul governo con "gli amici del M5S". Gli italiani e molti toscani hanno trovato un nuovo leader e una nuova narrazione da seguire: in Europa per cambiarla dalle fondamenta con una coalizione sovranista.

Vedremo negli scrutini delle comunali se i toscani hanno diviso il voto tra Europee e Comunali o se hanno preso il pacchetto 'all inclusive' Lega, Pd o altri. La Toscana rimane l'isola rossa, l'unica in Italia. L'identità forte della Toscana abbraccia ancora gli ideali della sinistra. La Lega ha saputo parlare a molte fasce deboli, con una comunicazione semplice e al momento efficace. La barricata antirazzista e antifascista, così come nel 2018, non ha indotto molti a schierarsi dalla parte della sinistra tradizionale, complice un'immagine del Pd che deve ancora rinnovarsi e l'ennesima frantumazione della sinistra in sigle che non hanno appeal. Il dato del M5S che cala costantemente ovunque è simbolo di una tendenza che potrebbe portare a una maggioranza in Parlamento ma assente sul territorio, se le Camere dovessero giungere fino alla scadenza naturale.

 

Elia Billero

Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro
torna a inizio pagina