Centrodestra toscano, FI avverte: "Stop battibecchi, avanti con unità. La fiducia si consuma"

«L’esito di queste ultime elezioni chiarisce, semmai ce ne fosse stato bisogno, che il Cittadino è capace di discernere e di esprimere, nello stesso giorno e nella stessa cabina elettorale, un voto politico ed uno amministrativo diversi, a volte opposti».

«Resta il fatto che gli elettori credono nel centrodestra, ma allo stesso tempo non hanno apprezzato alcune scelte di candidati operate dalla coalizione. In Toscana, per vincere e sfidare la sinistra in alcune sue ex roccaforti, c’è bisogno, ora come in passato, di una forte condivisione, di unità e soprattutto di candidati dalla intensa carica elettorale e personale».

«Qualcuno, come accadeva ai tempi del Msi, si accontenta di aver eletto dei consiglieri comunali che, purtroppo, con la legge elettorale maggioritaria che elegge i sindaci, avranno un ruolo inesistente ed ininfluente. Potranno semmai operare come megafono per questioni politiche, utili solo ai candidati per le varie elezioni, regionali e nazionali, che si andranno a svolgere nei prossimi cinque anni».

«I nostri concittadini hanno affermato, con il loro voto, che desidererebbero farsi governare dal centrodestra, ma a condizione che i candidati siano quelli giusti. Non sprechiamo tempo a battibeccare, anche in modo assai scomposto tra noi. La fiducia è come la candela: si consuma rapidamente».

 

Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro
torna a inizio pagina