Palio, ecco come funziona il soccorso sanitario in caso di emergenza

palio_di_siena_straordinario_ottobre_

Anche l’Ausl Toscana sud est è pronta per il Palio. Squadre, mezzi, postazioni schierate e mappate in un Piano che rende il Sistema Sanitario pronto ad affrontare il Palio del 2 luglio: anche in caso di maxi emergenza. Si tratta di garantire il soccorso sanitario a circa 16 mila persone all’interno di Piazza del Campo e sui palchi allestiti per l’occasione.

100 soccorritori, 7 medici, 7 infermieri e 17 ambulanze (comprese quelle della cerchia esterna), otto postazioni sanitarie. Questi i numeri dell’organizzazione dell’Emergenza Urgenza previsti in piazza. Ma anche il resto della città sarà presidiato da soccorritori e mezzi, per garantire che la manifestazione si svolga nella massima sicurezza.

La Centrale operativa 118 di Siena-Grosseto, sotto il coordinamento del responsabile Giuseppe Panzardi, ha predisposto il Piano dei soccorsi sanitari per il Palio, in collaborazione con l’Associazione Pubbliche Assistenze Riunite della provincia, il Coordinamento provinciale Misericordie “Siena Soccorso”, la Croce Rossa Italiana e l’associazione CB “IL Palio”.

Un grande dispiegamento di forze, dunque, che vedrà un incremento di risorse anche in Centrale. Assegnazione dei compiti, procedure, dislocazione di mezzi e personale: tutto è passato ai raggi X dal dipartimento di Emergenza Urgenza guidato da Massimo Mandò, con l’obiettivo di prevedere ogni singola necessità.

Ulteriore elemento a supporto dell’organizzazione, come avviene ormai da alcuni anni, è rappresentato dal camper del Coordinamento Regionale Maxiemergenze – ha spiegato Mandò –. Niente può essere lasciato al caso o sottovalutato. Per noi è un grandissimo impegno per il quale ringrazio sin da ora il nostro personale e le associazioni di volontariato, senza le quali il nostro Sistema non reggerebbe”.

 

Fonte: Asl Toscana Sud Est - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Siena

<< Indietro
torna a inizio pagina