Morte di Niccolò Ciatti, dal giudice tutti e tre i ceceni: accolta richiesta della famiglia

Niccolò Ciatti 2

La famiglia di Niccolò Ciatti, il 22enne fiorentino ucciso il 12 agosto 2017 in una discoteca di Lloret de Mar mentre era in vacanza, ha ottenuto che davanti al giudice istruttore andranno non solo uno, ma tutti e tre i ceceni che parteciparono al pestaggio. La notizia arriva a pochi giorni dall'udienza filtro del 17 luglio che istruirà il processo con le relative accuse, così come previsto dal diritto spagnolo. La pubblica accusa aveva disposto che solo il ceceno Rassoul Bissultanov, 26 anni, peraltro l'unico in carcere, sarebbe stato imputato della morte di Ciatti. La decisione è stata impugnata dal legale della famiglia Ciatti che è riusicta a ottenere il dietro front. Anche gli altri due amici ceceni, Khabibul Kabatov, 22 anni, e Movsar Magomedov, 24, individuati dal video del pestaggio, quindi, saranno coinvolti nel procedimento. L'accusa possibile è quella di omicidio volontario in concorso.

 

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina