Il festival delle Colline guarda alla Cina: due giorni di musica, workshop e video a Prato

thumbnail_Tulegur

Festival delle Colline guarda alla Cina, ma anche in casa propria: a Prato, come è noto, vive da anni una della maggiori comunità cinesi d’Italia. Una comunità sempre più integrata, anche a livello culturale. La due giorni China Garden in programma giovedì 18 e venerdì 19 luglio allo spazio Ex-Fabrica punta i riflettori sulle nuove generazioni di artisti, sulle frequenti commistioni con i colleghi italiani, e non solo.

Dal pomeriggio alla sera proiezioni, workshop e soprattutto musica: spiccano lo psychedelic nomadic rock del duo mongolo Tulegur (gio 18), la giovanissima vocalist Felicia Jin e il rap/pop dei Nova Ground (ven 19). Tutto a ingresso libero.

Giovedì 18 luglio (ore 16,15) inaugura la proiezione del documentario di Francesca Lixi “L’uomo con la lanterna”. Alle ore 17,30 presentazione della ricerca di Giulia Sarno “Stare insieme col Punk: relazioni interetniche nella ChinaTown pratese” e incontro. Segue alle 18 il workshop di canto “Khoomei” a cura di Ganzi (Tulegur). Lo stesso Ganzi, alle 21,30 sarà in concerto a capo del duo mongolo Tulegur: un mix di musica della tradizione, rock acustico, canto Khoomei – particolare tecnica tuvana di canto armonico -  ed elettronica.

La critica lo ha battezzato “post-rock etnico” e “rock nomade psichedelico” e grandi sono i consensi che la band ha riscosso in Cina, India, Europa, Australia e Nuova Zelanda durante i recenti tour. A tirare le fila è il cantante e chitarrista Gangzi, studi di musica classica alle spalle e una folgorazione per il canto Khoomei. Fondamentale l’incontro con il multi-strumentista Eddie, che dal 2018 si è inserito nel progetto Tulegur “come un pugno in un occhio”, donando nuove atmosfere a uno stile votato all’originalità.

China Garden riparte venerdì 19 luglio, sempre all’Ex-Fabrica di Prato (ore 18), con la   proiezione dei documentari “Chinese or Italian” di Teresa Paoli e “Ovunque splenda il sole ci sono i cinesi” di Chiara Berattino e Sara Montin. Alle 21,30 torna la musica dal vivo insieme a Felicia Jin e ai Nova Ground.
I Nova Ground vengono da Milano e da anni macinano un crossover che alterna rap e pop, alternando atmosfere acustiche a sonorità aggressive, tutto rigorosamente in italiano. Da Milano viene anche la giovanissima Felicia Jin: sua la voce nel brano “La canzone del venditore di perle” nel graphic novel “Chinamen, un secolo di cinesi a Milano”. Si chiude sulle note di “China GoGo”, dj-set a cura di Roberto Pecorale.

China Garden è una produzione originale Festival delle Colline in collaborazione con Istituto Confucio. Festival delle Colline 2019 è organizzato da Comune di Poggio a Caiano in collaborazione con i Comuni di Prato e Carmignano.

Programma giovedì 18 luglio
ore 16:15: proiezione del documentario di Francesca Lixi “L’uomo con la lanterna”
ore 17:30 “Stare insieme col Punk: relazioni interetniche nella ChinaTown pratese”
presentazione e dibattito sulla ricerca di Giulia Sarno
ore18:00 Workshop di canto “Khoomei” a cura di Ganzi (Tulegur)
ore 21:30 concerto TULEGUR.

Programma venerdì 19 luglio
ore 18:00: proiezione dei documentari: “Chinese or Italian” di Teresa Paoli; “Ovunque
splenda il sole ci sono i cinesi” di Chiara Berattino-Sara Montin
ore 21:30: concerto Felicia Jin + NOVA GROUND
a seguire D.J set “China GoGo” a cura di Roberto Pecorale

Dal 15 al 21 luglio
Spazio “Valentini” Prato: esposizione artistica di Chen Xi.

Ingresso libero

Info spettacoli
festivaldellecolline com

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Prato

<< Indietro
torna a inizio pagina