Sagra del Bignè, pasta e farciture si preparano a montare sul 'Dolcione' dedicato al genio

Festa_Bignè_Orentano_2019__

Eccoci arrivati alla serata clou di questa entusiasmante 51esima edizione della Sagra del Bignè a Orentano, organizzata dall’Ente Carnevale dei Bambini Pro Loco di Orentano APS con il patrocinio ed il supporto del Comune di Castelfranco di Sotto.

I dolci ci sono, le farciture anche, le sac a poche stanno per essere riempite, gli strumenti si accordano per la musica dal vivo, le bancarelle aprono i battenti e le schede della tombola sono pronte a essere stese sui tavoli.

Il programma del gran finale della Sagra del Bignè di domenica 18 agosto, inizia alle 19 con gli ambulanti aperti in notturna per le vie del paese. 'La Mi Band' e il complesso folkloristico 'La Ranocchia' daranno spettacolo e accompagneranno la serata con musica dal vivo in Piazza Matteotti, prima della tradizionale tombola di beneficenza.

La cosa particolare di questa edizione è che, in occasione del 500enario della morte di Leonardo Da Vinci, anche la Sagra ha voluto rendere omaggio al genio. E come, se non con la cosa che più di tutte caratterizza lo storico evento estivo di Orentano? Ovviamente con i bignè. Ma non un dolce semplice. Non solo una pasta choux glassata e ripiena di crema o cioccolato. Certo, con tutti questi elementi ma anche molto di più. Infatti Leonardo verrà ricordato con il 'Dolcione': una costruzione posta su un pianale mobile, guarnita con 25.000 bignè e circa 25 metri quadri di pan di spagna farcito alla crema. Un lavoro gigantesco che ha visto impegnate le esperte mani dei volontari per circa tre mesi.

La sagra e la tradizione del 'Dolcione' nascono anni fa, nel dopo guerra, come ha raccontato Maurizio Ficini, presidente dell'Associazione Ente Carnevale dei bambini Pro-loco Orentano APS: "Il 'Dolcione' è una tradizione che va avanti dal 1937. Negli anni è sempre stato realizzato un monumento d'importanza nazionale ma, da tre anni, abbiamo allargato la realizzazione dei carri agli eventi come per il 100enario del Giro d'Italia, per le 50 candeline della Vespa Piaggio e, in questa edizione 2019, i 500 anni dalla morte del genio toscano Leonardo Da Vinci".

Il Carro di bignè sul Da Vinci rappresenterà tre invenzioni del genio. "Sempre per tradizone- ha continuato Ficini -il dolce è offerto a tutti i presenti alla sagra. Per norme alimentari però questa particolarità è svanita. Il carro rimarrà solo una struttura estetica e architettonica e, a coloro che verranno alla sagra, verrà offerto un altro dolce creato per l'occasione".

La realizzazione del 'Dolcione' unisce due colonne portanti di Orentano, ovvero il carnevale e la pasticceria, entrambe attività storicamente legate al paese, come ha infine spiegato il Presidente della Pro-loco: "Per realizzarlo la Pro-loco si è unita ai carristi del carnevale e ai pasticceri del territorio. E' un'usanza che sta svanendo, perchè le generazioni cambiano e non si legano più come prima a questo genere di mestieri. Ma coloro che sono rimasti stanno insegnando ai più giovani, e questo fenomeno di continuità manderà avanti le nostre feste e l'estate di Orentano, visitata e popolata da sempre per i suoi eventi".

Il dolce carro è quindi atteso per la sfilata nella strada principale del paese e alla fine della festa, fette di pan di spagna inonderanno tutti i presenti, che potranno gustare le golosità offerte dalla Sagra.

Margherita Cecchin

Tutte le notizie di Castelfranco di Sotto

<< Indietro
torna a inizio pagina