Leonardo da Vinci, l'Ingegno, il Tessuto: enoconcerto e docufilm a Prato

 

In occasione dell’ultimo mese della mostra “Leonardo da Vinci, l’Ingegno, il Tessuto” (ultimo giorno domenica 29 settembre), tornano nuovi e imperdibili appuntamenti al Museo del Tessuto dedicati a Leonardo.

Dopo il successo del primo appuntamento tenutosi a maggio, torna giovedì 19 settembre alle ore 21.00 il format ideato da Chiave di Vino “Leonardo in Vigna”, con la serata "Non mangiar senza voglia: Leonardo da Vinci a tavola".

Leonardo dimostrò interesse non soltanto nella viticoltura, ma fu altrettanto attratto dal valore del buon cibo a tavola che lui definiva “la santa cena” a base di vino, olio e pane. Soprattutto quest’ultimo sarà per Leonardo un simbolo eccezionale della cristianità nella tormentata storia di fine '400 con l'esplosione dello scontro con Lutero e la cruciale disputa sul senso del pane che spaccò il mondo cristiano. Di questo parlerà Zeffiro Ciuffoletti, professore dell’Università di Firenze, membro dell’Accademia dei Georgofili e di altre istituzioni scientifiche, autore di saggi di storia politica e sociale, di storia sociale della comunicazione, di storia dell’agricoltura e dell’alimentazione.

A seguire la Contessa Veronica Passerin d’Entreves della tenuta Villa Dianella, situata sulle colline di Vinci, racconterà come è stato possibile riportare a Vinci la Malvasia di Candia prelevata dalla vigna che Leonardo aveva a Milano nella casa degli Atellani. Alla degustazione dei vini saranno accompagnati assaggi di prelibatezze in linea con il tema della serata che saranno preparate dal Club del Fornello, associazione no profit da oltre trent’anni attiva nella nostra città con l’obiettivo di promuovere la cultura del cibo sia legata alla tradizione sia ispirata alla contemporaneità.

Sulla tavola di Leonardo da Vinci non mancava mai il pane, così la tradizione secolare della “bozza di Prato” sarà presente con l’Associazione Gran Prato con pane prodotto con farina da grani coltivati nella provincia di Prato secondo un rigido disciplinare e moliti artigianalmente dal Molino Bardazzi con antica macina a pietra che quest’anno celebra cent’anni di attività a Vaiano nella Valle del Bisenzio.

Modera la serata Marzia Morganti, giornalista, docente e professionista di Food & Wine.

La degustazione dei vini Dianella sarà accompagnata dalle note dell'arpa di Annalivia Walker e dal flauto di Esther Todaro.

L’evento è organizzato in collaborazione con l’associazione fiorentina Chiave di Vino che ha ideato questo originale percorso eno-musicale per raccontare l’eccellenza di un territorio dal punto di vista paesaggistico, produttivo ed artistico.

Costo dell'attività: 10 euro (che include ingresso al museo ed alla mostra "Leonardo da Vinci, l'ingegno, il tessuto").
Prenotazione obbligatoria (0574-611503; info@museodeltessuto.it)

Domenica 22 settembre alle ore 15.30 sarà possibile visitare la mostra in compagnia di ArteMìa, con una visita guidata che condurrà il pubblico alla scoperta di Leonardo scienziato e ideatore di dispositivi per macchine tessili.

Costo dell'attività: 10 euro (che include ingresso al museo e visita guidata alla mostra "Leonardo da Vinci, l'ingegno, il tessuto"). Prenotazione obbligatoria (info@artemiaprato.it)

Domenica 29 settembre, in occasione del finissage della mostra, verrà proiettato alle 15.30 e alle 17.00 il docu-film Leonardo Cinquecento, con la regia di Francesco Invernizzi e distribuito dalla Magnitudo film con Chili.

Uscito nella sale cinematografiche solo nei giorni 18,19 e 20 febbraio scorso, l’evento è un’occasione unica per vedere questo straordinario film che ricompone, in esclusiva e per la prima volta al mondo, le migliaia di pagine dei Codici lasciatici da Leonardo Da Vinci in una prospettiva del tutto nuova che mostra le implicazioni contemporanee del suo immenso lavoro.

Il film di Francesco Invernizzi racconta la figura del genio attraverso le diverse discipline: pittura, scultura, letteratura, ingegneria, scienza, fisica, anatomia, medicina.

Il racconto procede sui due livelli di pensiero del personaggio toscano: quello poetico, filosofico e di studio, e quello del fare, delle realizzazioni delle opere d'arte e delle invenzioni.

Chiave del film è anche il costante rimando ai giorni nostri, legando le intuizioni, gli studi e le creazioni di Leonardo - anche quelle non riuscite come le costruzioni delle ali di aliante per far volare l'uomo - alle realizzazioni pratiche.

In occasione del finissage della mostra e della straordinaria proiezione del documentario, il Museo del Tessuto sarà accessibile nella giornata di domenica 29 settembre con un biglietto speciale di 3 euro.

Fonte: Ufficio stampa



Tutte le notizie di Prato

<< Indietro

torna a inizio pagina