Prof: "I negri ci rubano il lavoro", saluti romani in classe a Livorno

foto di archivio

Una lezione sul fenomeno delle migrazioni che finisce con un saluto romano. È successo agli inizi di ottobre al Liceo Scientifico Cecioni di Livorno. La lezione sui pro e i contro delle migrazioni è diventata un'accusa della professoressa agli immigrati: i "negri rubano il lavoro", e "commettono più reati degli italiani". Queste, secondo le testimonianze, le affermazioni dell'insegnante in classe. Parole, quelle della professoressa, che hanno scosso la sensibilità di tre ragazze che si sono alzate per allontanarsi dall'aula. Al loro gesto di disappunto, i compagni di classe le hanno derise e hanno risposto con il saluto romano, scatenando risatine nella professoressa.

Il racconto è finito sui giornali, e per primo su Il Fatto Quotidiano, dopo il post di Facebook della mamma di una delle studentesse, anche lei insegnante. La denuncia dei genitori non è passata inosservata alla scuola che ha aperto un'indagine poi consegnata al Provveditorato, che ha annunciato sanzioni disciplinari.

Nel post di Facebook della mamma di una delle alunne, si denuncia inoltre che sulla "chat dei ragazzi della classe girano indisturbate immagini di Hitler, svastiche e frasi vergognose.

La professoressa, vicina alla pensione, smentisce le accuse. Il preside Andrea Simoncini, ha parlato di una "situazione sfuggita di mano alla professoressa".

 

 

Tutte le notizie di Livorno

<< Indietro
torna a inizio pagina