Tenta di entrare in tribunale con un'arma da 'soft air': denunciato

Con una pistola da 'soft air' e sei proiettili caricati a piombini ha tentato di superare i controlli all'ingresso del Palazzo di Giustizia di Firenze, ma non ha potuto ingannare il metal detector che ha fatto scattare l'allarme. Gli addetti alal sicurezz alo hanno quindi perquisito trovando la pistola e hanno avvertito i carabinieri. L'uomo, un 53enne fiorentino, già noto alle forze dell'ordine per violenza, resistenza e minacce a pubblico ufficiale, è stato denunciato per procurato allarme. Da quanto si apprende, subito dopo aver superato il metal detector, avrebbe chiesto scusa agli addetti e avrebbe subito messo l'arma, che era nella tasca del giubbotto, sul banco dei controlli, dicendo di aver dimenticato di averla con sé. Ai carabinieri avrebbe poi riferito di avere l'arma con sé per paura di essere derubato della somma di denaro che aveva con sé. In casa dell'uomo è stato trovato un altro revolver da 'soft air' e circa 700 piombini.

 



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina