Pistoia, premio Caponnetto a Ilaria Cucchi e ai carabinieri Rosati e Casamassima

Il premio Antonino Caponnetto per la cultura della legalità 2019 va a Ilaria Cucchi, all'avvocato Fabio Anselmo, e a Riccardo Casamassima e Maria Rosati, i due carabinieri che, con la loro testimonianza, hanno permesso la riapertura del procedimento sulla morte di Stefano Cucchi. La cerimonia di consegna sarà il 6 dicembre nella Sala maggiore del Palazzo comunale di Pistoia. Si tratta della nona edizione.

Il premio è organizzato dalla Fondazione Un Raggio di Luce onlus di Pistoia, dal Centro di documentazione e di progetto 'Don Lorenzo Milani' di Pistoia e dalla Fondazione Antonino Caponnetto di Firenze, con la compartecipazione del Comune di Pistoia e il patrocinio della Provincia di Pistoia e della Regione Toscana.

Il riconoscimento è stato attribuito anche a Sonia Alfano, che a seguito della morte del padre Beppe Alfano per mano della mafia nel 1993, ha intrapreso un'intensa attività antimafia per accertare la verità sulla sua morte e sui mandanti.

I premiati sono eccezionalmente cinque, si legge nella nota, "perché le vicende che li hanno coinvolti hanno fatto sì che il loro legame si rafforzasse ulteriormente e diventasse decisivo per la buona riuscita della loro azione. Si tratta di persone che hanno dato prova d'impegno, coerenza e coraggio contro ogni forma di abuso della legalità o di potere mafioso, portando avanti atti e iniziative che hanno inciso profondamente nella realtà italiana e non solo".

Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro
torna a inizio pagina