La denuncia di Diritti in Comune: "Comune taglia gli orari della biblioteca"

Vogliono farci credere che i servizi pubblici possono subire solo tagli. Non è vero, non è così: per quanto riguarda le biblioteche di pubblica lettura, la tendenza generale delle amministrazioni locali è, semmai, quella di AMPLIARE gli orari di apertura e i servizi offerti. La scelta della Giunta pisana di ridurre drasticamente i servizi della Biblioteca SMS è quindi in netta controtendenza rispetto alle politiche adottate dagli altri comuni della Toscana.

Qualche esempio? E' presto detto:

- nel 2018 l'orario della Biblioteca comunale di Bientina è raddoppiato, passando dalle 12 alle 24 ore settimanali: un grande sforzo per un comune di piccole dimensioni;

- la stampa ha annunciato con toni entusiasti che, a partire da settembre 2019, la Biblioteca comunale 'Renato Fucini' di Empoli resta aperta più a lungo: "Il prolungamento dell’orario di apertura è stato e continua ad essere un investimento in cultura e socialità per una biblioteca cittadina davvero a disposizione di tutti. Da lunedì 30 settembre la biblioteca sarà aperta in orario continuato dalle 9 alle 21; martedì e venerdì fino alle 23. Dal 7 ottobre ripartono anche i sabato pomeriggio";

- da poco più di due mesi, a Scandicci si può andare a fare un giro in biblioteca anche la domenica: "Seconda biblioteca dell'area metropolitana ad effettuare questo servizio insieme alla Biblioteca di Palagio di Parte Guelfa, la biblioteca di Sandicci inizierà ad aprire i battenti domenicali dal 29 settembre 2019 in orario 9,30-18,30 garantendo così l'apertura completa sette giorni su sette";

- a Livorno, con due mozioni presentate in consiglio comunale, è stato proposto l'ampliamento dell'orario delle biblioteche, sia nella fascia serale (fino alle 23) che nel fine settimana, per tutto il periodo in cui sarà possibile visitare la mostra su Modigliani: un bell'esempio di sinergia nella gestione delle politiche culturali della città.

Spiace ammetterlo ma Pisa, in questo contesto, fa una gran brutta figura!

Diritti in comune: Una città in comune - Rifondazione Comunista - Pisa Possibile



Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro

torna a inizio pagina