Regolamento urbanistico Pistoia, le minoranze: "Lavoro della precedente giunta, Capecchi si dimetta"

Con una email argomentata e corredata di documentazione, l'ex Dirigente comunale all'Urbanistica Elisa Spilotros ha ieri messo a conoscenza i consiglieri di come il lavoro sul Regolamento Urbanistico recentemente approvato dal Consiglio Comunale, in tutta fretta e con sole due settimane di discussione, sia per la quasi totalità un copia-incolla di quanto già fatto nel precedente mandato amministrativo.

Confrontando i documenti inviati, in effetti, il riscontro è evidente: di fatto, le poche integrazioni riguardano semplicemente modifiche normative intervenute di recente e contributi tecnici di consulenti terzi.

Non entrando nel merito tecnico, politicamente tutto questo è di una gravità assoluta e molto preoccupante.

Se l'Assessore Capecchi ne era consapevole, allora si è intestato risultati non propri ma, soprattutto, ha volutamente bloccato la città e la Commissione consiliare sull'Urbanistica per due anni interi, senza produrre niente di nuovo. Tra l'altro frenando le proposte delle minoranze presentate mesi e mesi fa sull'argomento, come anche quelle degli Ordini professionali a propria volta ferme da tempo.

Se invece Capecchi era inconsapevole, la situazione è ancora più grave: non si ha neanche contezza di ciò che avviene nei propri ambiti di riferimento.

Qualunque delle due sia la verità, le conseguenze non possono che essere le medesime: l'assessore chiarisca ai cittadini la propria posizione, e poi si dimetta. Altrimenti, sia Tomasi a ritirare le sue deleghe, per del lavoro del Consiglio Comunale e, soprattutto, per la città tutta.

Gruppi di minoranza consiliare 

Partito Democratico 

Pistoia Spirito Liberi

Pistoia Città di Tutti

Pistoia Sorride

Movimento 5 Stelle

Italia Viva

 

Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro
torna a inizio pagina