È nata Culturmedia Legacoop Toscana: riunirà turismo, cultura e comunicazione

Gestione di musei, produzioni teatrali, spettacoli, escursioni guidate, organizzazione di visite didattiche ed eventi culturali, comunicazione, produzioni video, editoria, valorizzazione dei beni culturali, gestione di strutture ricettive: sono alcune delle attività che svolgono le cooperative che da oggi compongono Culturmedia Legacoop Toscana, il nuovo Dipartimento di Legacoop Toscana che riunisce le cooperative operanti nei settori della cultura, del turismo e dei media. 72 cooperative, 3329 soci, 356 addetti e un valore complessivo del fatturato (2018) delle imprese aderenti, attive in tutta la Toscana, che si attesta intorno ai 22 milioni e mezzo di euro: è la fotografia del nuovo Dipartimento che è nato ufficialmente questa mattina a Firenze. L’Assemblea costitutiva di Culturmedia Legacoop Toscana si è svolta a Palazzo Strozzi, un luogo simbolo della vita culturale fiorentina, che ne ha ospitato i lavori grazie alla disponibilità della Fondazione Palazzo Strozzi. “La cultura è un collante della società e anche la cooperazione lo è - sottolinea il presidente di Legacoop Toscana Roberto Negrini - Il settore cooperativo ha molte potenzialità in questo ambito, perché finora non ci si è concentrati abbastanza sul suo sviluppo. C'è la possibilità di coinvolgere e stimolare anche gli altri settori: agricoltura, produzione e servizi, consumo.

La sfida per le cooperative è quella di strutturare un’offerta culturale accessibile e al tempo stesso fungere da stimolo nel creare una domanda in termini culturali da parte dei cittadini”. Responsabile del Dipartimento Culturmedia Legacoop Toscana è stata eletta Daniela Vianelli, presidente della cooperativa Itinera di Livorno. “Perché un settore nuovo? In primis perché siamo consapevoli che la frammentazione sia stata ostacolo sia ad un riconoscimento interno delle opportunità del settore sia alla capacità di incidere nelle politiche culturali dei territori – afferma la responsabile di Culturmedia Legacoop Toscana Daniela Vianelli -. Esistono delle specificità regionali e diversi approcci, ma siamo convinti delle opportunità che possono scaturire da una strategia unitaria di sviluppo del comparto, affermando un ruolo complementare rispetto alle politiche pubbliche, trasversale anche alle dinamiche di rilancio dei territori”.

L’idea di fondo alla base della nascita del Dipartimento è quella di riunire imprese finora appartenenti a aree distinte, che operano in settori dinamici e innovativi e che occupano una quota rilevante di giovani, valorizzando in maniera trasversale le progettualità espresse dalle diverse realtà e sfruttando al massimo le sinergie tra ambiti differenti.

Nel corso della mattinata, aperta dai saluti dell’assessore alla cultura del Comune di Firenze Tommaso Sacchi e del Direttore di Anci Toscana Simone Gheri, hanno preso la parola, oltre a Daniela Vianelli, Roberto Negrini, presidente di Legacoop Toscana, Claudia Baroncini (Direzione Cultura e Ricerca della Regione Toscana), Enrico Conti (IRPET) e Giovanna Barni, presidente nazionale di Culturmedia. Nella seconda metà della mattinata spazio a un intervento di Massimo Bray, Direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia italiana Treccani, sul rapporto tra cultura e società.

Fonte: Legacoop Toscana - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina