Statalizzazione asili, ok dalla Regione per Pisa

La Regione Toscana ha dato il via libera al progetto di statalizzazione delle scuole dell’infanzia del Comune di Pisa. La Giunta Regionale il 16 dicembre scorso ha infatti approvato il piano regionale dell'offerta formativa e del dimensionamento della rete scolastica per l'anno scolastico 2020/2021, con il quale sono stati recepiti e approvati gli indirizzi per la programmazione dell’offerta formativa provenienti dalle conferenze zonali e dalle provincie che, per quanto riguarda Pisa, comprendono la proposta di statalizzazione delle tre scuole materne comunali, Agazzi, Montessori e Calandrini.

“Un’ottima notizia che certifica la bontà del percorso che abbiamo intrapreso – commenta l’assessore alle politiche socioeducative Sandra Munno -; la Regione Toscana ha accettato formalmente il nostro piano e la nostra proposta formativa, mettendo nero su bianco che la nostra richiesta è conforme agli indirizzi regionali. Si è dato così inizio al procedimento che vedrà la progressiva e graduale statalizzazione delle tre scuole d’infanzia, grazie anche alla disponibilità dei dirigenti scolastici degli Istituti Tongiorgi, Toniolo e Fucini che hanno condiviso, accogliendo nella loro proposta formativa e di dimensionamento, il nostro progetto”.

“Come ho già avuto modo di dire in consiglio comunale e nella commissione competente – prosegue l’Assessore Munno - il percorso di statalizzazione è un processo di lungo raggio che verrà attuato in maniera graduale. L’obiettivo principale è mantenere un sistema educativo pubblico, che assicuri standard elevati di qualità del percorso scolastico in maniera omogena in tutto il territorio comunale, la gratuità del servizio (attualmente non garantita dalle scuole comunali) e, attraverso l’inserimento delle materne interessate nell’ambito degli istituti comprensivi di riferimento, poter garantire non solo la continuità didattica, ma anche un maggiore radicamento del servizio nel territorio.”

“Questo passaggio permetterà – conclude Munno - di utilizzare le risorse risparmiate sempre in favore delle famiglie e dei bambini, con la creazione di una rete di servizi aggiuntivi che li accompagni dal nido fino alle scuole secondarie di primo grado, prevedendo il prolungamento dell’orario per i nidi, l’apertura di nuovi doposcuola e il potenziamento di quelli già esistenti. Ma non solo, questa operazione ci permetterà allo stesso tempo di ridurre le rette in maniera omogenea su tutti i servizi già esistenti”.

Fonte: Comune di Pisa - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro
torna a inizio pagina