Terremoto in Mugello, dichiarato lo stato di emergenza nazionale

Terremoto in Mugello

E’ stata accolta con favore dai sindaci dell'Unione dei Comuni del Mugello la deliberazione del Consiglio dei ministri di sabato scorso che dichiara lo stato di emergenza nazionale per il Mugello in seguito al terremoto del 9 dicembre: “Esprimiamo soddisfazione - affermano -, questo risultato riconosce gli sforzi dei sindaci del Mugello che si sono impegnati affinché il Governo definisse in tempi più brevi possibile il decreto".

Riguardo al provvedimento, parlamentari toscani e consiglieri regionali si erano adoperati a sostegno dei sindaci per arrivare in tempi brevi alla sua emanazione mentre il presidente dell'Unione dei Comuni aveva avuto incontri al Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero nell'Economia.

Sottolineano i sindaci: "L'atto del governo, che ringraziamo per l'attenzione data al nostro territorio, è un atto indispensabile al fine di poter erogare i fondi per la ricostruzione e necessari per agire e intervenire sulle situazioni di criticità e maggiore difficoltà”.

“Ringrazio il Governo per aver dichiarato lo stato di emergenza nazionale per il sisma che il 9 dicembre ha colpito i territori comunali di Barberino del Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Firenzuola, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Scarperia e San Piero, Vaglia e Vicchio”, così invece il presidente Enrico Rossi, aggiungendo che “la Regione Toscana si attiverà immediatamente per avviare la ricostruzione post sisma, così come indicato in seguito alla stima dei danni e delle necessità stilata insieme alla Città metropolitana, ai Comuni e a tutti gli enti coinvolti”.



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

torna a inizio pagina