Vigilanza nell'area stazione a Pisa, S.I.U.L.P scrive a Prefetto e Questore

(foto gonews.it)

Dottor CASTALDO, Dottor ROSSI,

la sicurezza non è una questione di gare, propaganda o di slogan, è una cosa seria e come tale va affrontata.

Il S.I.U.L.P.-PISA, nel leggere le notizie apparse sulla stampa locale e relative a procedure sulle gare (alcune andate deserte) per l’assegnazione di un servizio di vigilanza privata “armata” per l’area stazione, è costretto, ancora una volta, come del resto fatto nei mesi e negli anni passati, ad intervenire non sull’esattezza e rispetto delle procedure di gara alle quali sicuramente sono deputati soggetti ben precisi e qualificati, bensì sulla legittimità e necessità di queste ulteriori “forme di controllo” affidate a soggetti ben diversi dalle forze di polizia statali.

Il S.I.U.L.P.-PISA, già in passato, si è rivolto alle SS.LL., attraverso una lettera aperta, chiedendovi spiegazioni sui “rumors” sollevati dalla giunta in carica per addivenire per l’appunto ad una sorta di vigilanza armata dell’area stazione ed esprimendo tutta la propria perplessità sui surrogati di sicurezza.

Dottor CASTALDO, Dottor ROSSI,

«La sicurezza è prerogativa delle Forze dell’Ordine», occhi in più sono sempre utili, ma solo se poi si hanno risorse umane da rivolgere nell’intervento.

Il S.I.U.L.P.-PISA da sempre manifesta contrarietà all’impiego di soggetti nel campo della sicurezza avulsi dalle numerose forze dell’Ordine già in campo e verso cui, invece, andrebbero rivolte maggiori attenzioni e risorse, invece di proporre surrogati che nel tempo si sono evoluti da ronde a volontari per la sicurezza, da vigilantes ad agenzie private.

L’idea di creare più polizie non ci affascina, anzi riteniamo che il tutto potrebbe ingenerare confusione e tradursi nel comune detto “tutti fanno sicurezza ma nessuno la fa in modo specifico”, finendo con l’infondere nella collettività sempre più INSICUREZZA.

Sicuri che le SS.LL. non mancheranno di fornire la giusta attenzione a quanto rappresentato nei modi e nei tempi previsti, intervenendo nel contempo per evitare quelle eventuali sovrapposizioni di competenza che potrebbero divenire l’anticamera di una sicurezza fai da te che, a nostro avviso nulla ha a che fare con quella che deve essere garantita dallo stato, si porgono cordiali saluti e si rimane in attesa di urgenti chiarimenti.

 

Fonte: Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia Pisa - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro
torna a inizio pagina