Sceicco truffato in Qatar si reca in processo ad Arezzo

Una società rappresentata da uno sceicco del Qatar ritiene di essere stata truffata per 6 milioni di euro su una partita di 287 trasformatori elettrici con componenti non in rame come preventivato ma in alluminio. Lo sceicco si sarebbe presentato nell'aula di tribunale di Arezzo come parte lesa. Il fatto risale ad anni fa e coinvolge come imputato un 58enne legale rappresentante di una società di Rigutino (Arezzo) e il legale rappresentante. Con l'arrivo a Doha dei primi trasformatori, accadde un'esplosione. I controlli dei tecnici videro che i componenti erano in alluminio, considerata un'anomalia che potesse essere la causa dello scoppio.

Tutte le notizie di Arezzo

<< Indietro
torna a inizio pagina