Terme, il M5S: "La città si mobilita mentre il sindaco rimane fermo"

(foto gonews.it)

Il M5S appoggia qualsiasi iniziativa a tutela delle Terme e del loro ruolo strategico in città, che parta dal basso, dai cittadini e dalle categorie. Al contrario, ritiene che chi è stato eletto per amministrare dovrebbe portare soluzioni e atti ufficiali e non proclami e presenzialismo.

Come cittadini e categorie andremo a Firenze a testimoniare l’importanza delle Terme per la Toscana ma come forza politica dobbiamo continuare a lavorare per una soluzione che garantisca un riordino ed un rilancio della società a piena trazione montecatinese. Ad oggi niente di ufficiale è stato presentato al Consiglio da questa amministrazione, nemmeno il cosiddetto Piano Cardini ( da noi fortemente spinto) ha mai visto la luce dell’ufficialità. Ad oggi non si registra nessuna linea precisa perseguita dal Sindaco, se non quella dettata dalla minoranza in Consiglio. In tutto questo i dipendenti versano ancora in uno stato di totale incertezza sul proprio futuro.

Per questo motivo, il Consigliere M5S Simone Magnani presenterà nel Consiglio Comunale di oggi un’interrogazione riguardante il futuro delle Terme. Nello specifico:

1) Quando sarà convocata l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio 2018.
2) Se il cosiddetto “Piano Cardini” è ancora il piano sul quale l’amministrazione comunale punta per salvare le Terme e nel caso, quando si pensa di presentare il suddetto piano alla città.
3) Se sarà firmato l’accordo “ponte” con i dipendenti così come votato in Consiglio Comunale.

Montecatini non ripartirà se non ripartono le Terme e sebbene dalla città stiano arrivando diversi input, è compito dell’amministrazione comunale raccogliere le istanze e trasformarle in qualcosa di concreto e tangibile

Fonte: M5S Montecatini Terme

Tutte le notizie di Montecatini Terme

<< Indietro
torna a inizio pagina