Alla Normale giornata in ricordo di Giorgio Caproni nel trentennale della morte


Alla Scuola Normale, mercoledì 22 gennaio, una giornata in ricordo del poeta Giorgio Caproni, a trent’anni dalla morte. “Tutti riceviamo un dono” il titolo dell’incontro (citazione del primo verso della poesia “Generalizzando”) che avrà inizio a partire dalle 9.30 nella Sala Azzurra del Palazzo della Carovana e prevede letture di brani dalle opere di Caproni. Parteciperanno, tra gli altri, i figli Silvana e Mauro Attilio. Organizzano la giornata gli studiosi di letteratura della Scuola Normale Corrado Bologna, Stefano Carrai e Elisa Donzelli.

Giorgio Caproni è considerato uno dei massimi poeti italiani del Novecento. Nato a Livorno, ma trasferitosi a Genova a 10 anni, esordì nel 1936 con l’opuscolo Come un’allegoria, fino alla raccolta postuma, pubblicata nel 1991, Res amissa. In questo arco cronologico la poesia di Caproni, che fu anche traduttore, saggista, memorialista, maestro di scuola, si caratterizzò per una semplicità e una chiarezza espositiva del tutto originali, attraverso le quali Caproni fu capace di evocare le proprie inquietudini e quelle del mondo a lui contemporaneo.

Fonte: Scuola Superiore Normale

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro
torna a inizio pagina