L'appello di Giani: "Le opere di Marino Marini restino a Pistoia"

Un appello accorato, quello di Eugenio Giani, appresa la notizia delle prime lettere di licenziamento, per alcuni dipendenti della Fondazione Marino Marini di Pistoia: “Mi auguro si plachi questa tempesta e che le opere del maestro rimangano nel palazzo che segna la vitalità culturale di una città che nel 2017 è stata capitale italiana della cultura e che da sempre è legata alla creatività di Marini”. “L’attività del Museo pistoiese non può essere sospesa e le opere non possono essere trasferite a Firenze – ha continuato il presidente – invito la Fondazione a ripensarci; piuttosto possiamo insieme organizzare iniziative, per promuovere le opere del Maestro, anche a Firenze e nelle altre città toscane”. “Parlare di Marino Marini è parlare di Pistoia, le opere dello scultore sono indissolubilmente legate alla città e non possono abbandonare il Palazzo del Tau”, ha concluso Giani.

Fonte: Consiglio regionale della Toscana - ufficio stampa



Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro

torna a inizio pagina