Sandro Mancini lascia i carabinieri di Pistoia dopo 38 anni di servizio

Il Luogotenente C. S. Sandro Mancini, Comandante del Nucleo Informativo del Comando Provinciale Carabinieri di Pistoia, dopo quasi 38 anni di servizio nell’Arma, da domani cesserà di essere in servizio attivo per raggiunti limiti d’età.

Il Luogotenente Mancini, laureato in Scienze dell’Amministrazione, è entrato a far parte dell’Arma dei Carabinieri nel marzo del 1982.

Da Carabiniere le sue prime sedi di servizio sono state la Stazione Carabinieri di Bolzano e la Stazione Carabinieri di Brunico. Successivamente da Vice Brigadiere ha prestato servizio al Nucleo Radiomobile di Firenze e al Reparto Operativo, dove si è occupato di rapine, recupero di patrimonio artistico ed, inoltre, è stato addetto alle scorte di sicurezza del giudice Antonino Caponnetto e del Presidente del Senato Giovanni Spadolini, rispettivamente nei periodi in cui il primo era impegnato a Palermo nella lotta alla mafia e il secondo nei periodi più cruenti delle brigate rosse.

Nel 1989 veniva trasferito all’istituenda Sezione di P.G. presso il Tribunale di Firenze dove è rimasto fino al 2004. In quegli anni ha svolto funzioni di P.M. non togato e prescelto dal Procuratore Generale per affiancarlo nei processi per la strage mafiosa di via dei Georgofili a Firenze e per gli attentati di Roma e Milano. Dal 2004 veniva trasferito a Pistoia con l’incarico di responsabile della Sezione di P.G. del locale Tribunale, che lasciava nel 2008 per assumere il Comando del Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Pistoia, dove ha continuato a svolgere attività di polizia giudiziaria anche per la Corte dei Conti.

Nella sua lunga carriera ha ottenuto varie ricompense e riconoscimenti tra i quali un encomio solenne per l’arresto di alcuni pericolosi rapinatori nel 1986 e un elogio per il recupero del patrimonio artistico di Palazzo Martelli di Firenze nel 1995.

Fonte: Carabinieri Pistoia

Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro
torna a inizio pagina