Ex Savia, 'scompare' uno degli edifici: come cambia la zona artigianale di Pontorme

(foto gonews.it)

A colpo d'occhio può passare inosservato, per chi viaggia in auto lungo la zona artigianale di Pontorme. Eppure uno dei fabbricati della ex vetreria Savia non c'è più. I lavori annunciati a novembre dello scorso anno sono entrati nel vivo con l'abbattimento di uno dei fabbricati. Le aziende al lavoro sono incaricate da Unicoop Firenze, proprietarie dei terreni nei pressi della ss67. Questa settimana il fabbricato di fronte al nuovo parcheggio (mai utilizzato) è stato abbattuto. Le ruspe si affacciano ora sull'altro, dove ancora campeggia dipinta la scritta Cristalleria Savia.

Sulla futura destinazione dei terreni, Unicoop Firenze tace rimandando a un futuro annuncio. Ma la scritta sul cartellone 'realizzazione di un edificio commerciale per grande struttura di vendita' non lascia troppo spazio alla fantasia: un supermercato. Dovranno ancora essere concluse le opere di urbanizzazione stanziate nel corso degli anni da Unicoop, pari a 2 milioni di euro.

L'area a est di Empoli da tempo si sta rinnovando, con due nuove rotatorie (quella sponsorizzata dalla Sammontana e l'altra già completata ma non ancora presentata) e il progetto per il collegamento con il quartiere di Serravalle (pensata nell'ottica del nuovo stadio ma con una funzione utile per i residenti di quella zona, 'bloccati' durante le partite dell'Empoli calcio). Senza contare la bretella che collega la rotatoria dell'uscita Fi-Pi-Li con l'area produttiva di via Piovola.

Elia Billero



Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina