Caso di Coronavirus nella municipale, Marcheschi (FdI): "Tamponi ai 35 agenti a stretto contatto"

Paolo Marcheschi

“Il caso dell’agente della Polizia Municipale del Comune di Firenze positivo al Covid-19 è la dimostrazione che, nonostante gli annunci stampa, i tamponi in Toscana ancora non si fanno tempestivamente - dichiara il Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi), che da giorni chiede alla Regione Toscana di adoperarsi per l’uso più esteso dei tamponi faringei- L’assessore Saccardi batta un colpo. Faccia luce sulla questione per cui all’agente il tampone sia stato fatto solo dopo il suo arrivo in ospedale. La funzione dei tamponi deve essere anche preventiva oltre che diagnostica. In questa fase avanzata del contenimento, come dimostra il caso della Lombardia, il tampone non ha solo la funzione di accertare la positività del paziente, ma è strategico per tracciare i contatti diretti delle persone con il paziente stesso. Questo è ancora più importante nel caso degli operatori sanitari e forze di polizia che quotidianamente sono a contatto con i cittadini. L’Asl disponga subito i tamponi ai 35 contatti stretti dell’agente che attualmente sono in quarantena, e si effettui l’analisi epidemiologica specifica per circoscrivere l’area di diffusione. Rossi e Saccardi avevano annunciato migliaia di tamponi, sono rimasti annunci però”.

Fonte: Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina