Il giornalista televisivo Francesco Selvi in ospedale: "Grillo mi ha spinto facendomi cadere"

Beppe Grillo

"Stamani intorno alle 10 sulla spiaggia di Bibbona ho incontrato Beppe Grillo in uno stabilimento balneare. Ero nella zona per realizzare un servizio per Dritto e Rovescio trasmissione di Rete4 condotta da Paolo Del Debbio. Dopo essermi qualificato ho fatto alcune domande di politica al signor Grillo con il cellulare acceso. Grillo prima ha cercato di portarmi via il cellulare poi dopo avermi spruzzato addosso del liquido igienizzante mi ha spinto con forza facendomi cadere indietro da una scala che collega lo stabilimento alla spiaggia". A raccontarlo è il giornalista televisivo Francesco Selvi. L'uomo si è poi recato all'ospedale dove avrebbe riportato una prognosi di 5 giorni per un trauma distorsivo al ginocchio.

Qualche ora dopo l'Ordine dei Giornalisti della Toscana ha espresso solidarietà a Selvi con una nota:

"Il Consiglio dell’Ordine di Odg Toscana esprime piena solidarietà al collega Francesco Selvi aggredito oggi da Beppe Grillo. Selvi, che stava realizzando un servizio per la trasmissione di Rete 4 “Dritto e Rovescio”, ha avvicinato il fondatore del Movimento 5 Stelle in uno stabilimento balneare qualificandosi come giornalista e rivolgendo alcune domande di politica con il cellulare acceso. Grillo avrebbe reagito tentando di togliere il cellulare al giornalista e spingendolo poi dalla scala che collega lo stabilimento alla spiaggia. Selvi ha riportato un trauma distorsivo a un ginocchio, con prognosi di 5 giorni. L’Ordine di Odg Toscana definisce inqualificabile l’aggressione da parte di un personaggio pubblico ed esponente politico ad un giornalista che stava facendo solo il proprio mestiere. Quello di oggi è solo l’ultimo di una serie di episodi di aggressione e minacce nei confronti di giornalisti in Toscana, da Firenze, a Livorno e Pisa. Per questo Odg Toscana torna a chiedere con forza alle istituzioni di tenere alta l’attenzione per tutelare il lavoro dei giornalisti".



Tutte le notizie di Bibbona

<< Indietro

torna a inizio pagina