Inaugurato il Baby Pit-Stop a San Miniato: cambio e allattamento in biblioteca

Da un'iniziativa targata Unicef nasce l'area dall'impegno di Soroptimist Valdarno Inferiore e Comune di San Miniato


Infanzia e cultura si incontrano a San Miniato. Bambini e mamme sono i benvenuti sotto i loggiati di San Domenico, nella Biblioteca Luzi, dove questa mattina è stato inaugurato il Baby Pit-Stop. Da un’iniziativa targata Unicef nell’ambito dei Diritti sull’Infanzia e dell’Adolescenza, Soroptimist Valdarno Inferiore insieme al Comune di San Miniato si sono attivati, per fornire un’area dove accudire i propri bambini.

Tra scaffali ricolmi di libri di ogni genere è nato dunque un angolo, sotto la luce naturale che filtra dalle finestre, dotato di poltrona per l’allattamento, ceste riempite di giochi e un fasciatoio nuovo, posizionato nel bagno, con tutto il necessario.

Come lo stesso nome fa capire, si tratta di un pit stop che invece di sostituire le gomme e rifornire il carburante nel mondo della Formula 1 darà nutrimento e un cambio pulito ai neonati di turisti, passanti o chiunque ne abbia necessità proprio perché l'allattamento e i bisogni, è chiaro, non hanno orari.

Presenti questa mattina all’inaugurazione dell’area amica delle famiglie Soroptimist Valdarno Inferiore con la presidente uscente Paola Falorni e la neo presidente, che ha suonato la campana dell’associazione proprio dopo questo taglio del nastro, Rosita Pallesi. Con loro anche il Comune di San Miniato, con il vicensindaco Elisa Montanelli e l’assessore alla cultura Loredano Arzilli, le socie di Soroptimist, i rappresentanti di Unicef, Daniela Campisi vicepresidente commissione pari opportunità e Benedetta Gronchi, neo dottoressa laureata in ostetricia con una tesi specializzata sull’allattamento.

Angolo Baby Pit-Stop (Foto gonews.it)

"È un punto importante, un servizio che arricchisce il territorio e per la comunità, sia per chi vive a San Miniato ma anche e soprattutto per chi è ospite della nostra città - ha detto il vicesindaco Montanelli-. È anche una provocazione in un certo senso metterlo all'interno di una biblioteca. È un modo per fare entrare nella cultura della collettività l'attenzione che abbiamo verso i diritti dell'infanzia e nei riguardi dei genitori, che hanno bisogno di certi servizi".

"I Baby Pit-Stop sono dei punti che in genere vengono costituiti in aree culturali come musei, biblioteche ma anche nei centri commerciali, dedicati alle mamme e papà per allattare e cambiare i bambini - ha spiegato la neo presidente Soroptimist Valdarno Inferiore Pallesi-. Il progetto è stato sponsorizzato dal nostro Club tanto che, il 12 ottobre, c'è stata la firma del protocollo d'intesa per la costituzione di questi punti tra Unicef e Soroptimist, anche per favorire la cultura dell'allattamento, fondamentale per la mamma e per il bambino".

Dunque nel Baby Pit-Stop nel centro di San Miniato le mamme, ma anche i babbi, che allattano saranno accolti con tutti i comfort possibili e ciò che serve, in un’atmosfera accogliente e familiare.

Margherita Cecchin



Tutte le notizie di San Miniato

<< Indietro

torna a inizio pagina