Fucecchio ricorda le vittime delle foibe

Non dimenticare uno degli eventi più drammatici della seconda guerra mondiale è un dovere morale, per questo l'amministrazione comunale di Fucecchio, da sempre attenta a preservare e tramandare la memoria storica, ha dato vita questa mattina ad una cerimonia commemorativa per ricordare gli italiani vittime della tragedia delle foibe e quelli che dall'Istria, da Fiume e dalla Dalmazia furono costretti a lasciare la loro terra. La commemorazione si è tenuta in piazza XX Settembre davanti al monumento ai caduti, alla presenza del sindaco Alessio Spinelli e di un giovane rappresentante del gruppo #fucecchioèlibera. Inoltre, sulla pagina facebook del Comune di Fucecchio, è stato pubblicato un contributo video con l'intervento del professor Alberto Malvolti e dei ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Montanelli Petrarca” che, spinti dal desiderio di capire e riflettere sulla tragedia delle foibe, hanno rivolto i loro interrogativi proprio al sindaco Alessio Spinelli.

“Ringrazio i ragazzi e gli insegnanti per avermi interpellato su un argomento così importante – commenta il sindaco Spinelli -. Quella che abbiamo ricordato stamattina è stata una delle tragedie figlie della seconda guerra mondiale. La drammatica pagina delle foibe, in cui migliaia di innocenti furono uccisi dal regime dittatoriale di Tito. Per anni questa tragica vicenda è stata sottaciuta ma la storia torna sempre in superficie ed oggi come non mai è doveroso ricordarla. Il totalitarismo e l'oppressione dei potenti sui più deboli sono mali che dobbiamo assolutamente sconfiggere. Dobbiamo lavorare per i diritti umani e per la pace tra i popoli, solo così potremo dare un futuro migliore ai nostri figli. Ed è per questo che ricordare e tramandare la memoria è doveroso, da parte di tutti noi”.

Fonte: Comune di Fucecchio - Ufficio stampa



Tutte le notizie di Fucecchio

<< Indietro

torna a inizio pagina