Lando Conti, La Lega nel Centrodestra della Metrocittà Firenze: "Non dimentichiamo"

"È importante non dimenticare la figura di Lando Conti, sindaco repubblicano e laico della città di Firenze che fu assassinato barbaramente dalle Brigate Rosse. Uno scellerato ed infame atto terroristico che ha ferito profondamente la coscienza della città, su cui putroppo ancora oggi resta da fare piena chiarezza", dichiarano congiuntamente i consiglieri metropolitani leghisti del gruppo Centrodestra per il cambiamento Alessandro Scipioni e Cecilia Cappelletti. "Lando Conti - sottolineano - fu un grande amministratore, un politico illuminato e soprattutto un uomo per bene, la cui ingiusta morte non può trovare giustificazione nè attenuante alcuna. Si può solo rilevare che in questo Paese c'è stato purtroppo un periodo particolarmente difficile, dove portatori di una ideologia di morte hanno cercato di istituire un regime del terrore permanente".
Conti "non fu solo un buon amministratore che portò avanti una politica di sviluppo della città, opera purtroppo rimasta incompleta, ma anche e soprattutto perché la sua figura va tramandata ai giovani come quella di un servitore delle istituzioni repubblicane trucidato senza motivo dalla barbara mano dei terroristi. Un martire della libertà e della democrazia che nella nostra Firenze deve trovare sempre memoria".

Fonte: Città Metropolitana di Firenze



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina