Cadaveri nelle valigie, i Ris di Roma chiamati per estrarre dna dai reperti

Shpetim pasho
Nel riquardo Shpetim Pasho, sullo sfondo i campi dove sono state ritrovate le valigie

Sulla vicenda dei coniugi ritrovati a pezzi all'interno delle valigie abbandonate nei campi tra la Fi-Pi-Li e il carcere di Sollicciano, il Ris di Roma effettuerà degli esami per estrapolare delle sequenze di Dna dalle tracce biologiche per comparare successivamente queste sequenze con il dna degli indagati. Questi ultimi sono il figlio della coppia, Taulant Pasho, la ex Elona Kalesha e il fratello minore di quest'ultima Denis.

L'incarico è stato affidato dalla procura di Firenze e all'esame parteciperanno i consulenti nominati da ambo le parti in causa.La pm Ornella Galeotti ha affidato l'incarico. I tamponi da cui si provvederà all'estrazione del Dna sono stati effettuati sulle valigie dove erano nascosti i corpi e nell'abitazione di via Felice Fontana, dove potrebbe essere avvenuto l'omicidio nel 2015.


Leggi anche

Valigia con resti umani 'saponificati' all'esterno del carcere di Sollicciano

Il ritrovamento della seconda valigia

Il ritrovamento della terza valigia

Cadaveri nelle valigie, l'ipotesi dei coniugi scomparsi da Castelfiorentino

Cadaveri nelle valigie, il figlio della coppia scomparsa è irreperibile da 4 anni

Cadaveri nelle valigie, parla Dorina: "Ho chiamato io i carabinieri, voglio togliermi questo dubbio"

Taulant Pasho detenuto in Svizzera

Arrestata la convivente di Taulant Pasho

I Ris nei luoghi di Elona Kalesha

Kalesha resta in carcere per l'omicidio dei coniugi Pasho

Cadaveri nelle valigie, indagato anche il figlio Taulant e il fratello di Elona Kalesha



Tutte le notizie di Scandicci

<< Indietro

torna a inizio pagina