Impianto rifiuti Herambiente, Buscemi (FI): "Incompatibile"

Avrei voluto avere nel 2003 il supporto della Giunta Comunale (Sindaco Paolo Fontanelli) quando ci fu la mobilitazione popolare contro la realizzazione dell’inceneritore per rifiuti speciali della TESECO a Ospedaletto; come invece avviene oggi, con la Giunta Comunale (Sindaco Michele Conti) che prende una posizione chiara e totalmente contraria alla realizzazione del nuovo impianto di trattamento rifiuti che Herambiente vuole realizzare a Ospedaletto. La delibera che ieri, 23 febbraio, il Consiglio Comunale ha approvato, con la non partecipazione al voto del PD, è il chiaro segnale che la città di Pisa manda alla Regione e alla Conferenza dei Servizi che dovrà (e potrà) decidere se autorizzare o no il nuovo impianto.

“Il nuovo impianto non risulta compatibile con le iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale e dalla stessa Regione Toscana con la stipula del Protocollo di Intesa finalizzato alla riqualificazione funzionale e ambientale del comparto produttivo di Ospedaletto” recita uno dei punti dispositivi della delibera, è INCOMPATIBILE. Punto. E a proposito della posizione del PD pisano, oggi come allora “neutrale” nei fatti rispetto all’impianto che si vuole realizzare e a quello che all’epoca si voleva realizzare, il commento del pisano medio potrebbe essere “Tanti discorsi e poi…”. Infatti nel dibattito il PD è intervenuto al gran completo, con quasi tutti i suoi consiglieri, accusando la Giunta Conti di ritardi, di non avere richiesto il processo partecipativo, di schierarsi contro il progetto solo per motivi urbanistici e non, come sostiene invece il PD, per motivi ambientali. Ma dopo quell’infuocato dibattito, dopo avere riconosciuto che la decisione è presa in Regione (governata dal PD!), il Partito Democratico rinuncia a mandare un chiaro messaggio a Firenze e non partecipa al voto. Suvvia!!! E tutta la vocazione ambientale, la vicinanza ai cittadini, agli abitanti di Ospedaletto, e tutti i richiami all’indagine epidemiologica che ha accertato morbilità e mortalità superiori alla media, che fine hanno fatto se la posizione poi è quella di una deludente non partecipazione al voto? A Pisa si dice “Tanti discorsi e poi….”

 

Fonte: Riccardo Buscemi, Capo Gruppo di Forza Italia PISA



Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro

torna a inizio pagina