'Cento anni dai fatti della fiera', a Certaldo il libro di Merlini

Un libro a cento anni esatti dai 'fatti della fiera', dell'evento che segnò per Certaldo e la Valdelsa il passaggio dal 'biennio rosso' al 'biennio nero'. E' il nuovo saggio storico firmato da Maria Chiara Merlini. Nel libro dal titolo "Certaldo 28 febbraio 1921 - 28 febbraio 2021 - Cento anni dai fatti della fiera", l'autrice, grazie allo studio di documenti d'archivio e di nuove fonti, ricostruisce e getta nuova luce sullo scontro fra anarchici e fascisti, sul processo che portò alla condanna della 'banda dello zoppo' e dei fratelli Scarselli. Al centro c'è una ricerca accurata e di valore storico, come testimoniano anche la presentazione di Mimmo Franzinelli e il patrocinio della Società Storica della Valdelsa, che contribuisce a ricostruire con maggiore accuratezza l'inarrestabile ascesa del fascismo in Toscana e le paure e connivenze che la favorirono. L’autrice, nel pomeriggio di giovedì 25 febbraio, è stata ricevuta dal sindaco Giacomo Cucini e dall’assessore Clara Conforti, con delega fra l’altro a Cultura e Valorizzazione della memoria storica.

“Spero che la pubblicazione di questo saggio riesca a far capire alle persone quanto sia importante lo studio della storia attraverso i documenti - ha sottolineato l’autrice, al termine dell’incontro in Municipio - Non sono carte vecchie. Sono la storia della comunità. La storia, nel caso specifico, di un momento drammatico, quello che io ho analizzato, non solo per Certaldo ma per la nazione intera”.

“Ho letto con molta attenzione il libro di Maria Chiara Merlini dedicato alla ricostruzione dei fatti della fiera, tale da offrire, attraverso la consultazione di fonti e analisi di testimonianze, una nuova luce su quella vicenda - ha detto il sindaco Cucini - Una giornata, quella del 28 febbraio di cento anni fa, che fu tragica per il nostro territorio e che si contestualizza in un periodo storico di forti scontri e forti violenze, non solo su Certaldo ma nel territorio toscano e italiano, fra chi voleva la nascita del fascismo e chi si contrapponeva a questo modello di dittatura che stava venendo fuori. Erano all’ordine del giorno minacce, violenze e quella giornata fu sicuramente tragica. A cento anni dai fatti della fiera, sensibilità e interesse dei nostri cittadini su quella giornata sono ancora forti. Credo sia importante partire da questo nuovo volume e da tutti gli studi fatti precedentemente per costruire un percorso anche istituzionale affinché i fatti della fiera possano essere conosciuti anche da i nostri ragazzi, con la giusta contestualizzazione e il sostegno delle fonti. Ormai molti studi evidenziano l'innocenza di Nencini, accusato ingiustamente di due omicidi, e getta nuova luce sulle attività della 'banda dello zoppo'. E' quindi compito anche di un ente pubblico tenere conto dell'argomento e approfondirlo, non dimenticando fatti della storia così importanti".

”Questo libro - ha ribadito l’assessore Conforti  - testimonia l'importanza della difesa della memoria e soprattutto della valorizzazione della storia locale. Una fonte significativa nel percorso di ricerca di Maria Chiara Merlini è stato il fondo Nencini ospitato nell'archivio della nostra biblioteca, una risorsa importante per raccontare una parte del passato del nostro territorio”.

In Municipio anche Yuri Furiesi, presidente di Anpi Certaldo. “Come Anpi, negli ultimi anni - ha spiegato - abbiamo fatto un percorso di approfondimento quando ancora era in vita Marcello Masini su questi fatti ascoltando da Marcello stesso la ricostruzione di quelle vicende. Abbiamo apprezzato molto la ricostruzione fatta con vero approccio scientifico da parte della dottoressa Merlini e ci auguriamo che, a partire proprio da questa, il centenario dei 'fatti della fiera' possa essere l'occasione per costruire insieme all'amministrazione comunale un percorso di memoria condivisa. Per ricordare insieme quegli avvenimenti in modo ufficiale e dare la giusta riabilitazione alla figura di Guido Nencini".

Fonte: Comune di Certaldo - Ufficio stampa



Tutte le notizie di Certaldo

<< Indietro

torna a inizio pagina