Maxi frode fiscale nel settore della cantieristica navale, l'operazione tocca anche la Toscana

Maxi frode fiscale e contributiva scoperta dalla guardia di finanza di Ancona. Coinvolte una fitta rete di imprese in varie regioni tra le quali Marche, Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lombardia e Toscana, con interessi economici nel settore della cantieristica navale nel porto di Ancona.

Sono stati individuati 153 lavoratori irregolari per i quali sono stati omessi versamento dei contributi e delle ritenute Irpef, 131 milioni di euro di fatture false con la conseguente evasione dell'Iva per 28 milioni di euro e 66 milioni di euro di base imponibile segnalata per il recupero a tassazione.

Dall'operazione 'Shipyard' il bilancio è di 30 persone denunciate per frode fiscale, riciclaggio e auto-riciclaggio, tra cui 14 imprenditori operanti ad Ancona. Per cinque persone il gup ha già disposto il giudizio e si è già tenuta la seconda udienza al Tribunale di Ancona mentre, per gli altri denunciati, è stata fissata la data dell'udienza preliminare. Altri indagati hanno visto le loro posizioni stralciate con trasferimento del fascicolo ai Tribunali di Bologna, Monza e Prato. L'operazione ha preso il via sulla base di una specifica attività di analisi delle imprese operanti nell'ambito dei sub appalti di Fincantieri spa, risultata estranea ai fatti di indagine.



Tutte le notizie di Livorno

<< Indietro

torna a inizio pagina