Zona gialla, il ritorno in Italia. Draghi annuncia scuole aperte, spettacoli e ristorazione sì ma all'aperto

zona gialla

Zona gialla, il ritorno in Italia

Ritorna la zona gialla, anticipata al 26 aprile, ma si dà precedenza alle attività all'aperto. Scuole aperte, ristorazione aperta a pranzo e cena nelle zone gialle e arancioni. Le zone gialle saranno di nuovo concesse alle regioni, comprensibilmente legandole ai livelli di contagio. Il coprifuoco viene mantenuto, sarà valutata la curva epidemiologica e se necessario saranno prese altre misure. Gli spostamenti tra regioni in zona gialla saranno consentiti, per regioni di colore diverso servirà un 'pass'.

Così il presidente del Consiglio Mario Draghi ha parlato di 'rischio ragionato' basato sui dati in miglioramento. La conferenza stampa si è tenuta alla presenza del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, con il Ministro della Salute, Roberto Speranza, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.

La premessa per le riaperture è che "i comportamenti siano osservati scrupolosamente, come mascherine e distanziamenti".

Oltre alla zona gialla nascerà il 'giallo rafforzato'. Nelle aree a basso contagio da covid anche lo sport e gli spettacoli saranno concessi ma solo all'aperto. Gli spettacoli al chiuso potrebbero essere consentiti salvo limiti di capienza legati alle norme anticontagio.

Le aperture

Il cambiamento rispetto al passato riguarda un'incentivo per la ristorazione all'aperto. "Un'opportunità straordinaria per l'economia e per la nostra vita sociale", ha affermato Draghi. Le scuole riaprono dappertutto, ma nelle zone rosse si suddivide l'attività in presenza o a distanza.

La sospensione dell'area gialla "ha prodotto dei risultati", afferma Speranza. Un segnale di ripresa al Paese che partirà dal 26 aprile. Si privilegiano le attività all'aperto perché è scientificamente provato che all'aperto il contagio è più difficile, facendo riferimento ai comportamenti consuenti anti-contagio.

Piscine, musei, teatri, cinema, palestre, fiere, congressi, parchi tematici, terme: tutte queste attività potranno essere riaperte. Dal 15 maggio potrebbero riaprire le piscine secondo la roadmap del governo, dal 15 giugno le palestre, da luglio le fiere. A maggio i ristoranti potranno lavorare solo all'aperto ma, se le cose andranno bene, dal primo giugno anche al chiuso. La fase di transizione si dota come arma principale della campagna vaccinale.

I provvedimenti economici

Il Def varato ha un'ampiezza di 40 miliardi, una scommessa sulla crescita con riforme, PNRR e investimenti. Una scommessa sul 'debito buono', da investire correttamente per una crescita sostenibile, rispettosa dell'ambiente, legata alla transizione ecologica.

Sono stati nominati 57 commissari per 57 infrastrutture già finanziate e da attuare. Queste opere verranno attuate nel corso dei mesi, con cronoprogrammi fissati. Per la Toscana abbiamo la linea ferroviaria Pontremolese con commissario Mariano Cocchetti, l'autostrada E78 Grosseto-Fano con commissario Massimo Simonini e il servizio portuale Darsena Europa a Livorno con commissario Luciano Guerrieri.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

torna a inizio pagina