Cardinale Simoni festeggia 65 anni di sacerdozio: celebrazioni a San Donato a Livizzano

Cardinale Ernest Simoni

La comunità parrocchiale di San Donato a Livizzano e Santa Maria a Pulica, ha vissuto un momento storico, accogliendo per due giorni la Sacra Effige della Madonna della Medaglia Miracolosa, tanto cara all’allora Parroco di San Donato a Livizzano Don Mario Boretti, del quale quest’anno viene festeggiato il giubileo nel centesimo dalla nascita.

Sotto una improvvisa pioggia battente, che non ha scoraggiato i numerosi fedeli, giunti da tutta la Toscana per questa storia circostanza e per ascoltare la parola del Cardinale, il quale ha tenuto l’omelia ed impartito la benedizione finale, dopo la recita della preghiera del Santo Padre Leone XIIIi. La Santa Messa è stata celebrata all’aperto nel viale parrocchiale, presieduta dal Parroco don Cristian Meriggi, alla presenza del Cardinale Ernest Simoni, il quale proprio lo scorso mese ha ripreso il suo apostolato dalla Parrocchia di San Donato sulle colline Montespertolesi, luogo tanto caro al porporato, fin dalla sua prima visita nel 2005, quando ancora sacerdote giunse alla parrocchia per incontrare Don Mario.

La Celebrazione, svoltasi nel rispetto delle norme vigenti anti-contagio grazie ai Soci dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Montespertoli ed i volontari parrocchiali, trasmessa in diretta in tutto il mondo sulle frequenze di Radio Maria, grazie allo “studio mobile di Pisa”.

Sua Eminenza durante l’omelia, ha elogiato la forza, la temperanza, la tenacia e la testimonianza del popolo, che sotto una forte pioggia, sono giunti ugualmente senza scoraggiarsi a San Donato, per pregare ai piedi della Santissima Madonna trattenendosi a tutta la celebrazione.

Erano presenti per l’occasione Alessio Mugnaini Sindaco di Montespertoli, Aglaia Viviani Assesora in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale di Montelupo Fiorentino, Massimo Luschi Comandante Generale della Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni con i Comandanti Territoriali Alessandro Migliorini e Paolo Nigi, il Comandante Simone Soldi della Stazione Carabinieri Montespertoli, Alessandro Nencioni Presidente della Casa di Riposo di Montespertoli, Mariano Falcini presidente Pubblica Assistenza Croce d’Oro ed Gabriele Mariano Presidente A.N.C..

Al termine della Celebrazione il Sindaco Mugnaini prendendo la parola, ha ringraziato dell’invito e rivolgendo un saluto a tutti i radioascoltatori di Radio Maria, che collegati da Montespertoli, hanno seguito la Santa Messa, un particolare affettuoso saluto ed un ringraziamento al Cardinale Simoni, fortemente legato ormai da cinque anni da quando si è trasferito a Firenze, alla comunità di Montespertoli, che ha l’onore spesso di averlo come gradito ospite, il quale da poche settimane ha festeggiato il suo 65° anniversario di sacerdozio.

Il Sindaco, ha poi rammentando gli anni duri della persecuzione religiosa, perpetrata dal Regime Albanese, ed dei quasi 30 anni subiti dal Cardinale tra prigionia in carcere, lavori forzati nei campi di concentramento, nelle miniere e fogne di Scutari. “La Sua presenza ed il Suo Apostolato in tutto il mondo -­ afferma Mugnaini – testimonia che la violenza, i soprusi, le persecuzioni, non vincono mai e che la pace, la concordia e l’aiuto reciproco sempre trionfano; questo è il sunto della sua vita vissuta alla luce degli insegnamenti evangelici, dai quali ha trovato la forza per affrontare le sofferenza atroci, le quali nel 2016, lo hanno portato al Cardinalato, per volere di Papa Francesco ed a alle centinaia di riconoscimenti ed onorificenze ricevute in tutto il Mondo, tra cui la massima onorificenza del Comune di Firenze “il Sigillo della Pace”, consegnataLe nel suo 90 genetliaco dal Sindaco di Firenze, la quale ben riassunse la sua vita: “esempio di testimonianza di uomo di pace, libertà e di fede”.



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina