Formazione europea, a San Miniato si conclude 'Democracy Reloading'

Oltre quaranta persone da più di 10 Paesi europei, appartenenti alle Agenzie Nazionali per i Giovani e alle organizzazioni che operano nel campo delle politiche giovanili, hanno partecipato ad una quattro giorni intensiva di formazione all’interno del progetto di partenariato strategico internazionale “Democracy Reloading”.

L'Empolese Valdelsa e il Valdarno Inferiore, con i suoi 15 comuni, le due Conferenze Zonali per l’Istruzione e l’Educazione e la sua unica Società della Salute, è stato individuato come buona pratica italiana che si caratterizza per un dialogo strutturato tra istituzioni e terzo settore e per la capacità di generare progetti innovativi, grazie anche ad un protocollo d’intesa siglato nel 2017 finalizzato a sviluppare azioni integrate per i giovani.

Il Consorzio CO&SO Empoli, insieme a tutti i partner della Rete ERGO, ha accolto gli ospiti europei a San Miniato per una tre giorni di formazione. Mercoledì 1 settembre si è svolto un incontro tra l’Agenzia Nazionale Giovani italiana, youth worker di molte organizzazioni locali e rappresentanti delle amministrazioni comunali, tra cui gli assessori Emma Donnini (Fucecchio), Simone Londi (Montelupo Fiorentino), Ilaria Duranti (Castelfranco di Sotto), Giulia Profeti (San Miniato), i consiglieri comunali Sara Fluvi (Comune di Empoli) Andrea Marino (Montopoli Val d’Arno), Giorgio Benassi (Montaione), Giovanni Golfarini (Santa Croce sull’Arno), Carlo Ghilli (Responsabile Politiche Giovanili Comune di Empoli), Chiara Falchi (Coordinatrice Tavolo Giovani Empolese Valdelsa), Luigi Mangieri (Coordinatore CRED Valdarno Inferiore).

“È stata un’occasione – raccontano gli youth worker - per illustrare alcuni elementi della Strategia dell’Unione Europea per la Gioventù 2019-2027 e raccontare in sintesi le opportunità del nuovo programma Gioventù di Erasmus+”. Durante l'incontro è stato presentato il Toolkit appena realizzato grazie a tre anni di ricerca-azione del progetto Democracy Reloading, uno strumento utile a mettere a fuoco le competenze necessarie all’interno delle amministrazioni comunali per sostenere ed incrementare la partecipazione giovanile nei processi decisionali locali.

La giornata si è conclusa al Circolo ARCI di Petroio nel comune di Vinci, un luogo che rappresenta per il nostro territorio un intreccio di storie e di esperienze di volontariato e di impegno civile dove trovano spazio di espressione giovani, adulti e anziani. Il gruppo Pirati Urbani ha animato la serata con interviste transnazionali e transgenerazionali nella postazione Radio Pirata, con attività di condivisione progettuale, angoli di discussione, approfondimento e scambio di esperienze.

Per proseguire il lavoro di San Miniato, che si è concluso venerdì 3 settembre, nei prossimi mesi, in collaborazione con l’Agenzia Nazionale Giovani italiana, verranno organizzati nel territorio altri momenti di incontro sugli strumenti e le risorse che l’Unione Europea mette a disposizione dei giovani e di chi lavora a loro fianco. Saranno organizzati quindi specifici infoday, training course e palestre di progettazione rivolti ad amministratori, tecnici e youth worker.

Fonte: Co&so Empoli - Ufficio stampa



Tutte le notizie di San Miniato

<< Indietro

torna a inizio pagina