Senza stipendio da tre mesi, operai protestano e occupano il cantiere

A Pistoia dieci operai per protesta sono saliti sul tetto dello stabile che stanno costruendo: sul posto sindacati, forze dell'ordine e il sindaco


Dieci operai, che non riscuotono lo stipendio da tre mesi, hanno deciso di protestare salendo sul tetto dell'edificio che stanno costruendo. È successo a Pistoia, dove la ditta nella quale lavorano gli operai che hanno protestato, ha ricevuto in subappalto la realizzazione di uno stabile da 30 appartamenti, destinati al social housing.

I sindacati, ricostruendo la vicenda, spiegano che la ditta che si è aggiudicata l'appalto non avrebbe pagato quella subappaltatrice, generando così una catena e di conseguenza il mancato pagamenti degli stipendi dei dipendenti. Questi ultimi hanno annunciato di voler continuare l'occupazione del cantiere fino a quando non riceveranno quanto gli spetta.

Davanti all'edificio sono presenti oltre ai sindacati Fillea Cgil e Filca Cisl anche le forze dell'ordine. Nel mentre i sindacati hanno avanzato richiesta alla proprietà dell'immobile di non considerare l'appaltatore, pagando direttamente la ditta del subappalto. Sul posto anche il sindaco di Pistoia Alessandro Tommasi che, nonostante il Comune non sia coinvolto nel cantiere privato, si è preso l'impegno di interloquire con le parti per giungere al più presto ad un accordo e al pagamento degli stipendi.



Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro

torna a inizio pagina