"Ragazzi e ragazze al tempo del Covid": un campione di 4mila giovani risponde alla ricerca

(foto gonews.it)

L'indagine della Regione su come pre-adolescenti e adolescenti hanno affrontato la pandemia: la loro voce, in dati statistici, servirà "per offrire migliori opportunità di crescita"


“Questa ricerca ci mostra come i nostri ragazzi siano stati capaci di affrontate la pandemia, sopportando periodi di noia e incertezza, grazie alla forza del sistema di relazioni familiari e alla vivacità dei contatti mantenuti con gli amici con le tecnologie. Le relazioni umane sono state quindi, per loro, il primario antidoto all’emergenza”.

Così l’assessore regionale alle politiche sociali Serena Spinelli sintetizza uno degli aspetti più significativi della ricerca “Ragazzi e ragazze in Toscana ai tempi del Covid” realizzata dalla Regione in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale, L’Istituto degli Innocenti e il Centro regionale per l’infanzia e l’adolescenza. Il lavoro, condotto su un campione di circa 4.000 giovani tra gli 11 e i 17 anni, è stato presentato oggi nel corso di un seminario online i cui lavori sono stati introdotti dall’assessora.

“La pandemia da Covid 19 - ha esordito - non è stata solo una questione sanitaria; ha inciso profondamente sugli stili, e la qualità della vita di tutti, in particolare dei nostri ragazzi. Per questo abbiamo voluto promuovere una ricerca specifica per comprendere come tale evento abbia contribuito a cambiare stili di vita e percezioni di pre-adolescenti e adolescenti”.

“La ricerca – ha proseguito - ha coinvolto migliaia di ragazze ragazze e ragazzi che, mettendosi a disposizione per raccontarsi, hanno consentito ai ricercatori di entrare nella loro sfera personale. Grazie alla loro voce, tradotta in indicatori e dati statistici, è stato possibile raccogliere informazioni utili per orientare le politiche post-pandemiche nella direzione del sostegno e della valorizzazione dei processi di crescita e sviluppo di ragazze e ragazzi, per la costruzione e l’affermazione della loro personalità e autonomia, per offrire migliori opportunità di crescita e partecipazione a tutte e tutti”.

Sono oltre 230.000 i giovani toscani tra gli 11 e i 17 anni e rappresentano il 6,28% della popolazione. Il campione della ricerca ha riguardato 4.000 di loro distribuiti nelle scuole primarie e secondarie superiori di tutta la regione. Oggetto dell’indagine il periodo del lockdown (primavera 2020), sino alla ripresa dell’attività scolastica (tra ottobre 2020 e febbraio 2021).

Sui contenuti del lavoro è intervenuta al seminario anche la presidente dell’Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida. “Come rappresentante dell’Istituto degli Innocenti, che da oltre seicento anni si occupa della tutela e promozione dei diritti di bambini ed adolescenti in questo delicato momento, abbiamo sentito il bisogno di ascoltare la voce dei giovani per poter riprogettare nuove politiche inclusive in accordo con Regione Toscana e Ufficio scolastico regionale. Questa indagine ci offre una fotografia su come le nostre ragazze ed i nostri ragazzi abbiano vissuto, anche a livello personale, questo periodo che ha visto limitare le loro esperienze e relazioni sociali, ma ci offre anche ottimi spunti e consigli da cui ripartire, ci fa capire la necessità di un’educazione di qualità in presenza e l'importanza di mantenere le relazioni sociali tra pari attraverso qualsiasi strumento. Questo lavoro, svolto dall’Istituto degli Innocenti nel quadro delle attività del Centro regionale di documentazione per l’infanzia e l’adolescenza per conto della Regione Toscana, mette inoltre in luce la capacità di resilienza dei giovani davanti al momento storico che abbiamo vissuto ed il loro desiderio di fare sentire il proprio punto di vista e di essere ascoltati. Ora più che mai, emerge chiara la necessità di dare loro la parola e di ascoltarli per renderli parte attiva del loro futuro”.

Fonte: Regione Toscana - Ufficio stampa



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

torna a inizio pagina