Ponte di Marcignana, Lega: "Valzer imbarazzante di decisioni"

(foto da Facebook)

“Se non fosse tutto vero, sarebbe quasi da riderci sopra.” Il Consigliere Leonardo Pilastri del Gruppo Lega Salvini al Consiglio comunale di Fucecchio e dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa manifesta tutta la sua amarezza, sull’imbarazzante andirivieni di decisioni operative relative alla circolazione stradale sul Ponte di Marcignana (Ponte alla Motta), una delle infrastrutture viarie fondamentali per la circolazione stradale di tutto l’Empolese Valdelsa.

“La vicenda è ormai nota: casualmente, due giorni fa, mi veniva riportato che il ponte sarebbe stato improvvisamente chiuso a partire dalla mezzanotte di ieri, per tre settimane. Dopo aver sollevato il problema durante il Consiglio il Ponte di Marcignana (Ponte alla Motta), grazie ad un coordinamento immediato tra il Sindaco di Fucecchio e il Sindaco di Certaldo Cucini, responsabile della viabilità della Città Metropolitana, veniva annullata la relativa delibera. Ieri pomeriggio si è tenuta una riunione urgente in seno al MET, durante la quale è stato deciso di procedere alla chiusura dell’infrastruttura a partire da martedì 5 ottobre p.v., per un periodo di due settimane.

Apparentemente, sembra una buona notizia, ma non lo è affatto: il ponte è stato completamente chiuso al traffico dal febbraio 2019 all’agosto 2020, per una serie di interventi di manutenzione straordinaria con relativa integrazione di una corsia ciclabile. Le conseguenze sull’economia della zona sono state catastrofiche con diverse attività industriali e commerciali della zona che hanno cessato l’attività. Poi è stato riaperto, a senso unico alternato. Ci si attendeva che lo step successivo fosse la totale riapertura, ma così non è stato. E non solo: le tre settimane di chiusura inizialmente previste nella prima ordinanza sono diventate due. Come mai? Di solito la durata delle lavorazioni in un progetto presumibilmente complesso come questo è il frutto di un lungo ed intricato processo di studio e analisi, fondato su dati tecnici, e normalmente, non è che uno possa decidere durante una riunione di poche ore di tagliare del 33% la durata temporale della fase progettuale..

Delle due l’una: o i calcoli precedentemente fatti erano sbagliati, ed i tempi erano stati “dilatati” per ragioni che non sappiamo, o sono subentrate variabili “politiche” che con la realizzazione tecnica non hanno niente a che fare, dopo la figuraccia della delibera annullata.

Insomma: alla clamorosa inadeguatezza nella fase di pianificazione e di programmazione che caratterizza da anni a gestione da parte della Giunta Metropolitana della rete viaria del Circondario, si aggiunge adesso anche il preoccupante dubbio che la gestione di attività manutentive importanti relative ad una delle più importanti infrastrutture viarie della zona possa essere influenzata da variabili “non tecniche”.

Andrea Picchielli Capogruppo Lega ad Empoli ribadisce gli effetti negativi di questa ulteriore chiusura sui cittadini, sui commercianti, sugli automobilisti e le aziende.

"È necessario che per non prolungare ulteriormente il calvario di tutti questi cittadini si proceda ad effettuare  lavori h24 per velocizzare le operazioni di ristrutturazione ed arrivare il prima possibile ad una riapertura totale del ponte. La storia del ponte di Marcignana e dei lavori nel tratto della superstrada FI-PI-LI fra Ginestra Fiorentina e Lastra (di nuovo a due corsie per qualche giorno per gli interventi di risistemazione "senza fine") sono la dimostrazione dell'inefficienza della città Metropolitana di Firenze con rispettivamente Unione dei Comuni Empolese-Valdelsa e Regione Toscana nel programmare questi importanti lavori e nel rispettare la tabella di marcia, cercando di ridurre al minimo i fastidi e gli incomodi per gli automobilisti, la cittadinanza e le attività economiche" dichiara Picchielli.

"Chiediamo con forza al sindaco della metro città Nardella di mettere in atto ogni sforzo possibile affinché i lavori possano essere effettuati con celerità, anche nelle ore notturne come già accaduto per altri importanti lavori, al fine di ridurre al minimo i disagi per i cittadini". Concludono i consiglieri metropolitani leghisti Alessandro Scipioni e Cecilia Cappelletti.

Fonte: Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro

torna a inizio pagina