Immobili in Toscana, calo dei prezzi delle compravendite

Il terzo trimestre del 2021 vede un mercato toscano a due velocità: stando ai risultati dell’Osservatorio di Immobiliare.it, il portale immobiliare leader in Italia, infatti, se da un lato i canoni delle locazioni tengono, registrando un +0,3%, dall’altro il prezzo medio richiesto per le abitazioni in vendita è sceso dell’1,2%.

Per acquistare casa in Toscana, a settembre 2021, sono necessari in media 2.446 euro al metro quadro, mentre per l’affitto la cifra media richiesta è di 12,1 euro/mq.

Scendendo nel dettaglio, nel comparto delle compravendite le oscillazioni che si registrano – in positivo e in negativo – sono minime, con le eccezioni, tutte di segno meno, della provincia di Massa Carrara, che perde il 5,4% e quella di Grosseto, che fa registrare un -3,6%. La città più cara si conferma la città di Firenze, dove serve allocare poco meno di 4.000 euro al metro quadro per comperare casa (-0,3% rispetto al trimestre precedente). Più economica la provincia, in calo dell’1,3%, dove si acquista con 2.248 euro/mq di media. Nettamente sopra la media regionale e oltre i 3.000 euro al metro quadro anche la provincia di Lucca (3.058), in crescita di 1,3 punti percentuali.

Guardando al comparto delle locazioni, i valori sono generalmente positivi. In decisa controtendenza la provincia di Livorno che vede un calo nel prezzo degli affitti pari al 5,2%. Molto bene invece Massa Carrara, che registra un aumento percentuale di 3 punti in città a Carrara, di 3,7 a Massa e di quasi il 6% in provincia e Pistoia con un +3,6% in città e un +3% in provincia. Spiccano le cifre richieste a Firenze, pari a 14,8 euro/mq, in lieve aumento (0,9%) su base trimestrale. Mercato a due velocità invece per Arezzo dove gli affitti medi in città calano dell’1,2% e aumentano di quasi l’1% in provincia

Fonte: Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro

torna a inizio pagina