Lavoratori dei porti della provincia livornese, proclamato lo stato di agitazione

Le segreterie provinciali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti comunicano la proclamazione dello stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori dei porti di tutta la provincia livornese.

La decisione è stata presa al termine dell'assemblea dei lavoratori portuali tenutasi stamani a Livorno davanti al varco Galvani. Al centro del dibattito la mancata approvazione di quegli emendamenti al decreto legge Infrastrutture che avrebbero permesso di prorogare al 2022 i ristori Covid in favore della portualità. Il timore è che adesso possano esserci ripercussioni occupazionali negative in tutti i porti d’Italia e dunque anche nello scalo di Livorno.

Dal dibattito di stamani è emersa una crescente preoccupazione per la tenuta degli equilibri del Sistema portuale livornese, tale da rendere urgente la mobilitazione della comunità portuale. Se nei giorni a seguire non riscontreremo un diverso orientamento del governo saranno messe in campo ulteriori azioni a tutela dei livelli occupazionali e del salario.

Giuseppe Gucciardo (Filt-Cgil)

Gianluca Vianello (Uiltrasporti)

Dino Keszei (Fit-Cisl)



Tutte le notizie di Livorno

<< Indietro

torna a inizio pagina