Calci, la rotatoria de La Gabella intitolata a Teresa Mattei

E’ iniziato da un impegno di alcuni anni fa dell'amministrazione comunale e dal coinvolgimento degli alunni della scuola media Giunta Pisano il percorso di valorizzazione di strade, rotatorie e spazi pubblici del territorio calcesano dedicati a figure femminili. Donne. Impegnate nel sociale, nella scienza, nella politica, nella cultura. Da loro, in qualsiasi ambito si siano distinte, ha preso il via il progetto di toponomastica al femminile fortemente voluto dalla giunta guidata dal sindaco Massimiliano Ghimenti – e condiviso con scuole, associazioni e comunità - che fin dal suo primo mandato nel 2014 ha voluto che alcuni spazi del territorio portassero per la prima volta il nome di una donna.

E proprio sul "fil rouge" di questo percorso tracciato si è inserita l’iniziativa di martedì pomeriggio che ha visto il sindaco, le assessore Valentina Ricotta e Anna Lupetti, l’assessore Giovanni Sandroni ed una rappresentanza dell’Anpi di Calci ufficializzare la denominazione della rotatoria sulla via Provinciale del Lungomonte Pisano, a La Gabella, che da alcune settimane porta il nome di Teresa Mattei.

Partigiana, politica e pedagogista italiana, combattente nella formazione garibaldina, fu anche la più giovane eletta all'Assemblea Costituente, dove assunse l'incarico di segretaria nell'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea Costituente. A lei, su proposta dell’Anpi Calci subito accolta dall’amministrazione comunale, è stata dedicata la rotatoria che dà l’ingresso al paese e che “idealmente” annuncia anche la finalmente accresciuta presenza di spazi pubblici che sono stati intitolati a figure femminili nel territorio della Valgraziosa.

Apprezzamento da parte di Anpi Calci che, attraverso il suo presidente Evio Bertolini, ha ringraziato l’amministrazione per la sensibilità dimostrata anche in risposta allo stimolo proveniente dall'iniziativa l' "Italia è antifascista" del coordinamento delle associazioni e movimenti antifascisti.

A concludere a nome della giunta il sindaco Massimiliano Ghimenti: "Nessuno può e deve dirci in che cosa siamo “portati”: uomini e donne possono e devono scegliere liberamente in quali ambiti formarsi ed impegnarsi" E' questo un messaggio che forte e chiaro abbiamo voluto dare con le scelte sulla nuova toponomastica. Tra queste scelte, frutto di un lungo percorso con il quale, negli anni, abbiamo cercato di declinare la celebrazione dell'8 Marzo per una parità vera, a tutto tondo, merita una menzione particolare la scelta di dedicare la bella rotatoria della Gabella ad una figura femminile che è stata protagonista della lotta di Liberazione, della nascita della nostra Costituzione e che ha poi - fatto meno noto per molte persone - investito gran parte della propria vita per dar voce a chi voce non aveva ed in special modo ai bambini ed alle bambine. Siamo orgogliosi di transitare ogni giorno davanti al nome di questa grande donna italiana”.

Fonte: Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Calci

<< Indietro

torna a inizio pagina