Consiglio comunale, approvata la nona variazione di bilancio a Pistoia

Il consiglio comunale lunedì ha approvato la nona variazione di bilancio con 20 voti favorevoli (Fratelli d'Italia, Pistoia Concreta, Forza Italia – Centristi per l'Europa, Lega per Salvini premier, Amo Pistoia, Gruppo Misto), 7 contrari (Pistoia in Azione, Movimento 5 stelle, Partito Democratico e Prima Pistoia) e 1 astenuto (Pistoia Spirito libero).

Il provvedimento è stato presentato dall'assessore al bilancio Margherita Semplici.

«Si tratta di una variazione attesa – ha spiegato Semplici - perché si colloca alla fine di novembre, come previsto dalla legge. Per l'Amministrazione ha un particolare significato in quanto rappresenta la conclusione dell'ultimo esercizio che verrà gestito per intero dalla giunta e dal consiglio comunale di questo mandato amministrativo. Come spiegato nelle due commissioni che si sono svolte nella settimana scorsa, la variazione ammonta complessivamente a 1.086.000 euro e ha registrato una serie di voci di maggiore entrata abbastanza contenute e maggiori spese rilevanti».

Maggiori entrate. «In questo caso si registra un incremento, con la legge di bilancio 2021 per il fondo di solidarietà comunale, e anche un riallineamento dei dividendi come è stato approfondito in commissione – ha proseguito l'assessore – rispetto all'andamento degli anni precedenti. In particolare nel 2020 Publiacqua ha distribuito ben 37 milioni di euro rispetto ai 18 milioni di euro di cui eravamo abituati in passato, con l'impegno però che avrebbe distribuito un importo inferiore ai 10 milioni di euro nelle annualità successive. In realtà anche nel 2021 si è arrivati a una distribuzione di circa 16 milioni di euro determinando un riallineamento rispetto a quella che era l'entrata prevista negli anni precedenti».

Maggiori spese. «Si registrano quote importanti per l'incremento dei rimborsi tributari ha spiegato Semplici -. Si tratta in particolare di rimborsi tributari a Hitachi che ha aperto un contenzioso nei confronti di un accertamento dell'Agenzia delle Entrate sul nuovo classamento di un fabbricato che aveva dato luogo alla applicazione, in via provvisoria, di una determinata liquidazione Imu. Hitachi ha vinto il contenzioso con l'Agenzia delle Entrate e quindi il Comune dovrà restituire l'Imu già pagato. Si tratta di un importo piuttosto consistente che viene in parte coperto attraverso il bilancio corrente (per 229.000 euro) e in parte con un avanzo di amministrazione (365.000 euro).

Spes. Durante il consiglio comunale Semplici ha inoltre spiegato: «Sono state previste ulteriori somme come applicazione dell'avanzo, che è stato appunto accantonato a suo tempo da parte dell'Amministrazione, che vanno a precostituire le risorse necessarie per ripianare la perdita di Spes e anche per la sua ricapitalizzazione. Si tratta in particolare del ripiano di disavanzo delle annualità pregresse: la copertura della perdita verrà coperta con l'avanzo accantonato per la perdita delle società partecipate per 1.090.000 euro circa, mentre poi c'è una quota di avanzo libero che è destinata all'aumento di capitale consortile per 558.000 euro circa. Nelle prossime settimane il piano di risanamento di Spes sarà discusso in consiglio comunale per poi arrivare a un'assemblea straordinaria. Prioritariamente sarà coperta la perdita del patrimonio e poi ricapitalizzata la società per poter dare continuità alla gestione dopo che i consigli comunali dei venti enti soci avranno tutti approvato il piano di risanamento».

Spesa in conto capitale. «Si prevedono alcune variazioni e alcuni storni – ha spiegato l'assessore al bilancio -. In particolare la dotazione al comando della Polizia Municipale di una unità cinofila ha destato una particolare attenzione nel corso delle commissioni e in merito sono stati presentati anche degli emendamenti. Anche il sindaco ha presentato un emendamento ma solo per una questione che riguarda l'iter procedurale: infatti c'è stato uno scollamento tra i tempi della Ragioneria nella predisposizione della variazione e quella del comando della Polizia Municipale. L'emendamento prevede, pertanto, l'anticipazione della voce di spesa al 2021. Dotarsi di una unità cinofila non è una scelta voluttuaria - ha sottolineato l'assessore -, ma la necessità è stata riscontrata dalla nuova comandante. Tra l'altro questa novità riallinea le nostre dotazioni, rispetto a quelle dei principali Comuni capoluogo toscani, per cui si prevede l'acquisto di mezzi e attrezzature per l'unità cinofila».

Terminato l'intervento dell'assessore Semplici, Nicola Maglione del Movimento 5 stelle ha presentato 4 emendamenti. Con i primi due (poi sub emendati) Maglione ha chiesto modifiche in merito all'unità cinofila antidroga. Entrambi gli emendamenti sono stati ritirati. Gli altri due emendamenti, invece, riguardavano la riduzione dei capitoli di spesa per l'acquisto di automezzi della Polizia Municipale per trasferire, e quindi incrementare, i capitoli di spesa del bilancio a favore della manutenzione straordinaria dei ponti (il ponte dei Carabinieri a Santomoro) e per l'assunzione a tempo determinato degli ausiliari del traffico. Entrambi gli emendamenti sono stati respinti. E' stato, invece, accolto l'emendamento della Giunta.

Nel dibattito sono intervenuti, tra gli altri, i consiglieri comunali Nicola Maglione (Movimento 5 stelle), Francesco Mazzeo (Lega per Salvini premier), Walter Tripi (Partito Democratico) e Gabriele Sgueglia (Fratelli d'Italia).

«Fatti e numeri parlano da soli – ha detto il capogruppo del M5S Nicola Maglione -: se non si è dovuto dichiarare lo squilibrio di bilancio è solo perché questa Giunta non ha saputo (o voluto) fare un bando accessibile per le tante piccole imprese in difficoltà e i 900.000 euro non erogati (su 1,4 milioni di euro del residuo dei contributi dati dal Governo Conte II) gli son serviti per tappare il buco. Altra questione è il piano di risanamento di Spes, 1,6 milioni di euro. Hanno taciuto alla città e alle minoranze quanto stava succedendo, addossando la colpa a chi governava prima del 2017. Dov'erano loro quando operazioni illegittime e illegali si perpetravano? (ex Ricciarelli, Dogana di Pescia) e qual è stata la loro azione di controllo come consiglieri di opposizione? Ricoprivano ruoli e avevano strumenti per denunciare quanto oggi dicono fosse di dominio pubblico! Infine la ciliegina sulla torta sono i 50.000 euro per costituire e mantenere l'unità cinofila alla PM, quando manca un terzo dei vigili necessari a gestire l'ordinario! Due nostri emendamenti per destinare invece queste risorse a favore della manutenzione straordinaria dei ponti (il ponte dei Carabinieri a Santomoro) e per l'assunzione a tempo determinato degli ausiliari del traffico, sono stati respinti»

«La città parla bene di questa maggioranza e il sindaco è molto apprezzato – ha sottolineato il capogruppo della Lega per Salvini premier Francesco Mazzeo -. Il bilancio che parte dal 2017 in avanti contiene tutte voci importanti che vanno dagli investimenti all'avanzo, dalla diminuzione dei debiti al pagamento delle fatture ai fornitori in tempi brevi. Dal passato, invece, abbiamo ereditato 200 alloggi vuoti: questa maggioranza, oggi, investe sulle case popolari grazie anche all'intercettazione di finanziamenti attraverso la presentazione di progetti. Invito l'opposizione a prendere esempio da chi ha lavorato in questi anni in modo continuo e ha la capacità di conoscere il valore del lavoro e del risparmio a differenza dell'opposizione. Per il vostro decoro vi invito a smettere di lamentarvi inutilmente».

«La Campagna elettorale della destra si sostanzia benissimo in questa ennesima variazione di Bilancio – ha sottolineato il capogruppo del PD Walter Tripi - : piccoli fuochi artificiali invece di affrontare i problemi veri. Su tutti, spicca il tema della Sicurezza: una città che per la prima volta nella propria storia è piena di baby gang e problemi di controllo in centro come in periferia, che da oggi spende i propri soldi per un'unità cinofila invece che per affrontare davvero la questione. E scambiando questo come lotta alla droga. La Giunta degli interventi di plastica si differenzia ancora una volta mentre la città continua a perdere posizioni nella qualità della vita, nei dati sul lavoro di giovani e donne, sulle nuove imprese».

«La variazione approvata dal consiglio – ha detto Grabriele Sgueglia di Fratelli d'Italia - rappresenta un passo importante dell’amministrazione Tomasi su due fronti: quello della risoluzione dei problemi del passato e quello della proposta di nuovi progetti per il futuro. In prima battuta lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per il salvataggio di Spes è un atto doloroso ma dovuto per rilanciare una società centrale per gli interessi del Comune che, grazie al lavoro della giunta e del presidente Sensi, potrà sviluppare un nuovo corso in cui riqualificare quartieri importanti come Le Fornaci. In seconda istanza i 40.000 euro messi a bilancio per l’unità cinofila offrono al comando di polizia municipale nuovi strumenti per contrastare la microcriminalità approfittando del bando relativo ai decreti sicurezza finanziato dal Governo Draghi (e quindi a costo zero per le casse comunali)».

Al termine degli interventi ha preso la parola l'assessore al bilancio Margherita Semplici per le repliche. «In merito al bando per le micro-imprese – ha spiegato Semplici - le risorse messe a disposizione a suo tempo venivano dal fondo per le funzioni fondamentali, messo a disposizione dell'Amministrazione nel 2020, proprio per far fronte al saldo negativo, laddove si fosse verificato, tra maggiori spese e minori entrate dovute al Covid. La scelta dell'Amministrazione di mettere una parte di quelle risorse per aiutare imprese, famiglie (con contributi legati alle mense scolastiche) e anche associazioni e società sportive è stata una scelta di coraggio fatta su una previsione di entrata. Nel mese di ottobre si è solo verificato se le risorse fossero sufficienti o insufficienti in base alla previsione e addirittura sono state eccessive rispetto alle concrete partecipazioni al bando. Inoltre in ottobre – ha proseguito Semplici - non ci sarebbe stata la possibilità di pubblicare un nuovo bando, e comunque non sarebbe stato possibile utilizzare quelle risorse stanziate dallo Stato per il saldo negativo delle funzioni fondamentali. La polemica non solo è destituita di fondamento ma è anche strumentale. Riguardo alla Spes – ha continuato Semplici - è una situazione di estrema gravità che abbiamo scelto di affrontare a testa alta con le soluzioni migliori per la città e soprattutto per gli assegnatari di alloggi Erp. Purtroppo abbiamo dovuto gestire l'esistente a causa di disastri e difficoltà ereditati dal passato dovuti a scelte e inefficienze. Nonostante tutto siamo stati in grado di programmare interventi importantissimi sull'edilizia scolastica e sull'edilizia sportiva. Chiudo con l'unità cinofila. Non credo debba dare scalpore. Intanto dal primo dicembre entrano in servizio alla PM otto nuovi agenti selezionati dal concorso indetto dal Comune di Montecatini Terme. A breve sarà bandito un altro concorso del Comune di Pistoia – ha detto Semplici lo scorso lunedì – per assumere altri agenti. Il nostro obiettivo è dotare la città di personale e strumenti per contrastare uno specifico settore di microcriminalità».

Fonte: Comune di Pistoia - Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro

torna a inizio pagina