Hyper Art Fest, il festival delle arti aumentate sbarca a Firenze

Installazioni, talk e workshop: protagoniste le nuove tecnologie. Anche gli studenti della Laba nel progetto. Il programma della due giorni


Una riflessione sulle arti aumentate dalle nuove tecnologie, sul modo in cui l’innovazione sposa i linguaggi visivi e li traduce in emozioni. Sbarca a Firenze, per la sua prima edizione, "Hyper Art Fest", un progetto di Teatro Studio Krypton e Ecosistemi Artificiali, realizzato in collaborazione con PARC/Fondazione Fabbrica Europa e Giardino Chiuso e con il contributo e il sostegno della LABA di Firenze. Oggi, giovedì 16, e domani, venerdì 17 dicembre, dalle 18 alle 00, negli spazi del Parc di Firenze, piazzale delle Cascine 7, si alterneranno strumenti come il videomapping, la realtà virtuale, l’interaction design e l’intelligenza artificiale: tutte modalità che stanno ridiscutendo l’esperienza artistica e le modalità di creazione dell’opera.

Sono in programma workshop, installazioni e live performance che affronteranno possibilità e criticità delle nuove drammaturgie digitali. L'obiettivo del progetto è quello di far diventare il format un appuntamento annuale con il coinvolgimento degli studenti. E proprio gli allievi della Laba di Firenze saranno attivi protagonisti e promotori della manifestazione. Si tratta di 8 iscritti del primo e secondo anno di Fotografia e Graphic Design: 5 di loro, in particolare, sono stati coinvolti nell’organizzazione e nella progettazione della kermesse mentre altri 3 ragazzi si occuperanno della sezione “Media”, diffondendo immagini, video e contenuti del festival attraverso le piattaforme social di Hyper Art Fest (saranno affiancati da un grafico e un videomaker). Info e prenotazioni a info@hyperartfestival.it.

Di seguito il programma completo della due giorni.

DAY 1: 16 Dicembre Interactive Bodies a cura di Massimo Bevilacqua. La riflessione è sul corpo e il suo sconfinamento nel digitale, il conflitto tra il limite e la possibilità di esistere nella propria riproduzione. In questo contesto, le tecnologie appaiono come spazi di condivisione e partecipazione, in cui il corpo diventa spazio biopolitico.

DAY 2: 17 Dicembre Deep Fake a cura di Ecosistemi Artificiali. Nel labile confine del reale e artificiale Deep Fake propone una visione sugli strumenti dell’oggi in campo musicale, visivo e performativo. Automazione, simulazione, Intelligenza Artificiale, algoritmi quali sono le estetiche/poetiche possibili? La giornata coinvolge alcune delle realtà Underground del territorio per attivare una visione plurale sulle pratiche artistiche di ricerca. Il progetto è una collaborazione tra Fabbrica Europa, Teatro Studio Krypton, Ecosistemi Artificiali, Giardino Chiuso e PARC con il contributo e sostegno di LABA Firenze.

Programma DAY 1: Interactive Bodies

18:30 - 23:00 INSTALLATION Margherita Landi + Roberto Fazio
18:30 - 19:30 WORKSHOP VR di Margherita Landi e Agnese Lanza
20:00 - 21:00 PANEL Margherita Landi, Massimo Bevilacqua, Agnese Lanza, Studio Roberto Fazio
21:30 - 22:00 DANCE PERFORMANCE Entanglement di Giardino Chiuso
22:30 - 23:30 LIVE PERFORMANCE Gianfranco De Franco

Programma  DAY 2 : Deep Fake

18:30 - 23:00 LABEL MERCH OOH-Sounds + Fango Radio + Biodiversità Records
18:30 - 23:00 INSTALLATION Morgana + Vacuocavo
18:30 - 20:00 WORKSHOP a cura di Ecosistemi Artificiali con Cecilia Lentini e Giordano Fiacchini
20:30 - 21:30 PANEL Midi Motori Digitali
21:30 - 23:00 TAKE OVER Phase + Biodiversità Records
23:00 - 23:30 LIVE PERFORMANCE Luca Pagan.

Fonte: Laba - Ufficio stampa



Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

torna a inizio pagina